,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Bocche di Bonifacio (6). Solenni celebrazioni ad Ajaccio per il sindaco Ornano

(di Antonello Tedde) – Questo martedì 19 febbraio si sono concluse ad Ajaccio le celebrazioni in omaggio del sindaco Charles Ornano, il più significativo sindaco del capoluogo nel dopoguerra, eletto ininterrottamente dal 1975 al 1994, e senatore della Repubblica Francese dal 1980 al 1994.

Nella imponente cattedrale barocca di Ajaccio “Santa Maria Assunta”, dedicata alla Vergine Assunta e consacrata nel 1593, si è svolta la solenne Messa e commemorazione dell’uomo politico e amministratore corso.

Alla Messa concelebrata, dal nostro parroco emerito don Domenico Degortes, insieme a don Fini,  cancelliere della Cattedrale, hanno presenziato Laurent Marcangeli, sindaco d’Ajaccio dal 2014, 38 anni, avvocato, deputato per la Corsica du Sud, insieme ad assessori e consiglieri comunali nonché ai parlamentari della Corsica du Sud Jean Jacque Ferrara e Jean Jacque Panunzi. In rappresentanza della famiglia Ornano era presente la figlia, madame Madeleine con il suo marito Jean Pierre Audisio, di origine piemontese e vero animatore e coordinatore del ricco programma celebrativo.

Come noto i due sindaci Charles Ornano e il nostro Giuseppe Deligia, siglarono nel 1991, 28 anni orsono, il Gemellaggio fra le due città, diversamente unite dalla figura di Napoleone Bonaparte, dopo un approfondito percorso culturale, iniziato con il sindaco Franco Del Giudice, ma soprattutto dai due principali sostenitori del progetto, il prof. di Stato Dominique Orsoni per Ajaccio e il nostro assessore alla Cultura Menotti Casali.

Tutto iniziò nel 1989, allorquando il Governo Francese, nell’ambito delle commemorazioni legate ai 200 anni della Rivoluzione Francese, indirizzò a tutti i Dipartimenti un Concorso nazionale, con il quale si dava l’opportunità di richiamare o mettere in evidenza un avvenimento storico accaduto nel proprio territorio tramite il quale riallacciarsi alla storia patria ed ai valori dell’identità nazionale. Fra i lavori pervenuti, quello del Dipartimento della Corsica del Sud, il professor Dominique Orsoni, allora ricercatore e dottore di stato presso il “Centro di Ricerca Corsa – Sezione di Storia” dell’Università di Corte, elaborò un proprio progetto, avvalendosi altresì degli studi dello storico corso Francis Pomponi. La ricerca e lo studio nascevano dai legami storicamente documentati delle popolazioni, essenzialmente pastori, degli attigui territori di Bonifacio e delle isole dell’Arcipelago maddalenino, che questi già da alcuni secoli abitavano, prima stagionalmente, poi verso il 1700 sempre più stabilmente fino a formare quella comunità che, con l’occupazione militare e la protezione sardo-piemontese diverrà quindi l’odierna città di La Maddalena.

Il programma in omaggio a Charles Ornano, cognome fra i primi presenti nelle pioniere famiglie corse che abitarono le nostre isole nel Settecento, è stato programmato dal Comune ajaccino nel 25° della sua morte, avvenuta il 19/2/1994, con conferenze, esposizione di foto, proiezioni e testimonianze svoltesi dal 4 al 23 febbraio, che hanno testimoniato il grande attaccamento della comunità corsa ad un uomo protagonista dello sviluppo del capoluogo corso, nei suoi 4 mandati amministrativi. Vari esponenti corsi, politici e culturali, che l’hanno conosciuto, così si sono espressi su di lui..  “Uomo e sindaco di grande umanità, onestà, calorosità ed disponibilità, un ajaccino tipo, non solo un padre politico che incarnava le virtù della Corsica e del Bonapartismo” ma soprattutto padre di famiglia …c’etait le Pere de la Ville”, virtù queste che sicuramente hanno posto le basi e le premesse per arrivare alla sigla del Gemellaggio, come ha confermato il genero, JeanPierre Audisio.

La rappresentanza di La Maddalena ha visto, insieme con Don Domenico, tessitore del Gemellaggio con le annuali festività religiose e Patronali,  la presenza del dr. Gianfranco Serra, segretario personale del sindaco Mario Birardi e coordinatore di varie iniziative culturali svoltesi negli anni passati ad Ajaccio e Bastia, nonché collaboratore del Comitato Olimpico della Corsica per l’organizzazione dei Giochi Olimpici delle Isole, la manifestazione sportiva a livello giovanile che unisce tutte le isole dei paesi che aderiscono al C.I.O. (Comitato Internazionale Olimpico), il quale durante la Messa, fra le testimonianze presentate, ha letto una affettuosa e commovente lettera in francese, scritta di pugno dal nostro novantenne sindaco del Gemellaggio Giuseppe Deligia,  impossibilitato a recarvisi, quindi l’ex presidente del consiglio comunale Antonello Tedde, da sempre sostenitore dei rapporti sardo-corsi, ha portato i saluti ed alcune pubblicazioni del Comitato Ricerche Storiche Maddalenine (CORISMA),  con l’auspicio di una ripresa dei contatti culturali e sociali, che ricordiamo nel 2016, con l’attuale sindaco Luca Montella e amministrazione, hanno visto un significativo momento celebrativo con la sottoscrizione di una rinnovata conferma del legame fra le due comunità , nel 25° anniversario della sigla degli accordi.

Il prossimo appuntamento per le due comunità è previsto con la prossima Festa Patronale di Ajaccio della Vergine della Misericordia “La Madonnuccia”, il 18 marzo prossimo. Quando, nel 1645, scoppiò la peste in città, l’allora Consiglio degli Anziani ajaccino, temendo le tragedie della peste, decise di porre la propria città sotto la protezione della Vergine Miracolosa, venerazione che permise alla città di sopravvivere alla epidemia cosicché la Municipalità, dal 1661, proclamò la Statua della Vergine della Misericordia protettrice e patrona della città, stabilendo nel 18 marzo di ogni anno la celebrazione della solenne festa.

Nelle foto:

  • Il sindaco Charles Ornano;
  • Da sinistra JeanPierre Audisio, genero del sindaco Charles Ornano, la moglie e figlia del sindaco Madeleine Ornano, don Domenico Degortes, prof. Dominique Orsoni, dr. Gianfranco Serra e Antonello Tedde, ex presidente del consiglio comunale di La Maddalena.

Pubblicato da il 22 febbraio 2019. Archiviato in Attualità,Cultura,Storia. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.