,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Home » Archives by category » Storia (Page 3)

Spunti di storia delle Bocche di Bonifacio (2)

Spunti di storia delle Bocche di Bonifacio (2)

Ci fu un toscano, d’origine tedesco-bavarese che, 1190 anni fa, approdò in Corsica e diede il proprio nome al castello che fece costruire, sulla bianca scogliera di tufo, che guarda…

I 250 anni della Parrocchia di S.Maria Maddalena (La Maddalena) 4

I 250 anni della Parrocchia di S.Maria Maddalena (La Maddalena) 4

La “cristianizzazione” delle Isole (di Claudio Ronchi) – Torniamo ora – dopo la sintetica proiezione fino ai giorni nostri – alle origini. Le popolazioni della Gallura, delle campagne e degli…

I 250 anni della Parrocchia di S.Maria Maddalena (La Maddalena) 3

I 250 anni della Parrocchia di S.Maria Maddalena (La Maddalena) 3

La Diocesi d’Ampurias e Civita “scalza” quella di Bonifacio (di Claudio Ronchi) – Dunque possiamo dire che il 14 ottobre 1767 non ci fu soltanto un’occupazione militare delle isole ma…

I 250 anni della Parrocchia di S.Maria Maddalena (La Maddalena) 2

Con le truppe d’occupazione arriva don Demontis (di Claudio Ronchi) – La presenza di un prete, tra le fila del piccolo corpo d’occupazione, che mercoledì 14 ottobre 1767 aveva “conquistato”,…

I 250 anni della Parrocchia di S.Maria Maddalena (La Maddalena) 1

I 250 anni della Parrocchia di S.Maria Maddalena (La Maddalena) 1

Gli inizi (di Claudio Ronchi) – Quando, nel gennaio del 1768, fu fondata la parrocchia di Santa Maria Maddalena, “regnava” a Roma Papa Clemente XIII ed era vescovo di Ampurias…

Spunti di storia delle Bocche di Bonifacio (1). La flotta saracena che attaccò Roma si riparò a Caprera?

Spunti di storia delle Bocche di Bonifacio (1). La flotta saracena che attaccò Roma si riparò a Caprera?

Tra l’anno 846 e 849 d.C. fu consistente la presenza di una flotta saracena nel Mar Tirreno. E nell’846 questa fece alcune incursori su Roma, saccheggiandola. All’epoca Roma contava meno…

Quando maddalenini e galluresi sconfissero Napoleone: Il ruolo della chiesa nei fatti del 1793 (10)

Quando maddalenini e galluresi sconfissero Napoleone: Il ruolo della chiesa nei fatti del 1793 (10)

Successivamente si appurò che la bomba (lanciata da Santo  Stefano, pare dallo stesso Napoleone Bonaparte che, come noto, partecipava all’impresa), era scarica. Sul momento, tuttavia, si dovette gridare al miracolo,…

Quando maddalenini e galluresi sconfissero Napoleone: Il ruolo della chiesa nei fatti del 1793 (9)

Quando maddalenini e galluresi sconfissero Napoleone: Il ruolo della chiesa nei fatti del 1793 (9)

L’allestimento del drappo si svolse in tutta fretta, probabilmente nella stessa chiesa parrocchiale. In esso venne raffigurata Santa Maria Maddalena, patrona dell’Arcipelago, ai piedi del Crocifisso, in atto di protezione…

Quando maddalenini e galluresi sconfissero Napoleone: Il ruolo della chiesa nei fatti del 1793 (8)

Quando maddalenini e galluresi sconfissero Napoleone: Il ruolo della chiesa nei fatti del 1793 (8)

La scelta di campo dei corso-maddalenini maturò in maniera convincente per i comandanti militari  alla fine del novembre 1792 quando, attraverso il sindaco Giò Batta Zicavo ed altri membri del…

Quando maddalenini e galluresi sconfissero Napoleone: Il ruolo della chiesa nei fatti del 1793 (7)

Quando maddalenini e galluresi sconfissero Napoleone: Il ruolo della chiesa nei fatti del 1793 (7)

Il bonifacino Antonio Costantini, deputato corso a Parigi, fece parecchie pressioni ed una relazione all’Assemblea Nazionale francese per convincerla a votare l’invasione dell’arcipelago maddalenino, sostenendo con forza che “queste isole…