,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Chi sarà il prossimo vescovo di Tempio? Potrebbe essere Corrado Melis?

(di Claudio Ronchi) – La nuova politica di accorpamento voluta da questo Papa, indipendentemente da storie, tradizioni, comunanze, usanze e pietà popolari spesso circoscritte ad ambiti ristretti territoriali ma tutte di grande dignità e meritevoli di rispetto, sta portando ad accorpamenti, se non formali, quantomeno di fatto di parrocchie e diocesi.

Ne è stato esempio in Gallura, lo scorso anno, l’accorpamento di fatto di due parrocchie a La Maddalena, prendendo il parroco di una e mettendolo anche nell’altra; e lo sono ancor di più i recenti accorpamenti, di fatto, della diocesi di Ales-Terralba, il cui vescovo Roberto Carboni è diventato anche arcivescovo di Oristano. Come quella di qualche giorno fa, con la nomina di Antonello Mura, vescovo di Lanusei anche a vescovo di Nuoro.

Se tanto mi dà tanto, è un’ipotesi che si basa sui precedenti ricordati, con l’andata in pensione di Sebastiano Sanguinetti (foto in lato), che il prossimo anno compirà 75 anni potrebbe, essere “nelle cose” la nomina di Corrado Melis (nella foto sopra a sinistra), che dal 2015 è vescovo di Ozieri, anche a vescovo di Tempio Ampurias. Melis tra un anno avrebbe 57 anni, un’età, da vescovo, ancora piuttosto giovane, ed è piuttosto apprezzato. La sua nomina a vescovo di Ozieri vide l’approvazione, se non anche la proposta, del cardinale Angelo Becciu, originario di quella diocesi. E tutto lascia pensare che colui che è stato fino a poco tempo fa il numero tre del Vaticano, oggi massimo responsabile della congregazione delle cause dei santi, veda di buono occhio quest’avanzamento “di carriera” del “suo” vescovo. Non ancora un accorpamento de iure di diocesi dunque, ma di fatto certamente. Si diceva, una promozione, perché l’eventuale nuova nomina porterebbe Corrado Melis non solo ad essere il vescovo di Tempio e Castelsardo (Ampurias) ma anche (e soprattutto) di Olbia, come di Arzachena-Costa Smeralda, La Maddalena, ecc.

Pubblicato da il 6 luglio 2019. Archiviato in Attualità,Cultura,News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.