,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. Antonio Conti: la poesia “è un canto che sale da una ferita sanguinante e da labbra sorridenti”

(di Claudio Ronchi) – “In queste poesie sicuramente c’è la mia vita, c’è il mio mondo, la mia cultura, i miei umori, le mie emozioni di ogni giorno, la gente che ho conosciuto e che ho amato, c’è la strada dove vivo fin dalla mia nascita, c’è l’infanzia e i miei amici più cari che la vita e la morte hanno disperso, ci sono i miei allievi che ho amato come figli; tutto questo si riflette nei miei versi”. Con queste parole Antonio Conti ha presentato il suo nuovo libro “Versi di un viandante” nel salone consiliare lo scorso 12 dicembre.

A salutarlo e ad introdurre l’argomento è stato l’editore Paolo Sorba e poi Giancarlo Tusceri che del libro ha curato la prefazione. Alcune delle poesie, pubblicate nella parlata isolana, con traduzione a fronte, e in italiano, sono state lette da Marcello Sorba.

La poesia, ha detto Antonio Conti, “è un canto che sale da una ferita sanguinante e da labbra sorridenti; è una strana convivenza di musica e filosofia, della lucidità e della follia, della veglia e del sogno, della verità e della fantasia”.

E parlando dei poeti, e quindi di se stesso, che poeta di rango è, ha affermato che in loro, nei poeti, “alla disperazione s’accompagna l’incanto. Ed è l’incanto della poesia che rende più sopportabile la vita su questa palude del mondo”.

Antonio Conti ha fatto queste considerazioni da credente. “La salvezza è nel ritorno alla ragione, alla fede, alla solidarietà, all’amore del prossimo, all’amore della natura”. Per lui, “la cosa più bella che l’uomo ha è la prospettiva di immortalità ma che non deve cercarla sulla terra…”. Per Conti “l’essere cristiani è l’inquietudine più alta dello spirito, è l’impazienza dell’eternità, un continuo timore e tremore, come dice Kierkegaard, acuito dal trovarsi in un mondo perverso che crocifigge l’amore”.

Pubblicato da il 15 dicembre 2018. Archiviato in Attualità,Cultura. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.