,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. Cresce l’attesa per lo spettacolo di Danza Pivé, dedicato a Napoli, nel ricordo di Leonardo e per Stella

(di Claudio Ronchi) – C’è grande attesa all’Isola per lo spettacolo di Danza Pivé, uno dei più importanti appuntamenti dell’anno, che verrà messo in scena nel prestigioso teatro Primo Longobardo, oggi venerdì 15 giugno a partire dalle ore 21:15. E nella palestra della società, in via Maggior Leggero, le ragazze con le insegnanti, Maria Chiara Quidacciolu, Fadwa Choute e Korin Podesva stanno mettendo a punto le ultime tecniche e sincronie, sotto la supervisione della direttrice artistica della scuola, Elisa Verrascina.

Sul palco le allieve della scuola si esibiranno tra modern jazz, contemporany dance, hip hop, urban hop, zumba e zumba kids. “Ci sarà anche il vincitore di Amici 2013, il bellissimo Nicolò Noto”, annuncia la Verrascina.

Titolo dello spettacolo è: Napul’è. Come mai, le chiediamo questa volta hai voluto pensare a Napoli? “Intanto perché, oltre ad essere maddalenina io ho origini campane. Sarà dunque un tributo a questa terra… Dopotutto Napoli una città che bisogna conoscere e vivere. Una città ricca di vita, colori, energia pura, dove si può assaporare passeggiando per le vie della città quella atmosfera che ammalia il cuore e rinvigorisce l’animo. Sarà uno spettacolo contornato dalla maestosità del Vesuvio che veglia costantemente su Napoli, la protegge e la custodisce. Ho voluto omaggiare Napoli con una serie di coreografie che ripercorrono tutto il fascino che si cela tra le strade e i pittoreschi vicoli di questa città”.

La seconda ragione, prosegue Elisa Verrascina, “sta nel fatto che proprio a Napoli abbiano fatto onore alla nostra bandiera sarda, vincendo anzi stravincendo numerose coppe e premi”.

C’è un terzo motivo, sentimentalmente coinvolgente e commovente: “Il ricordo di mio cugino, Leonardo Rinaldi, scomparso prematuramente a soli 16 anni, al quale ero molto legata. Ci saranno diverse coreografie che lo ricorderanno in ragione del fatto che la sua scomparsa è coincisa con la mia gravidanza e nove mesi giusti dalla sua ricorrenza è nata la mia bambina: una stella è salita in cielo ed una stella mi è stata donata sulla terra, da qui il nome, Stella”.

Pubblicato da il 14 giugno 2018. Archiviato in Attualità,Cultura,Sport. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.