,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. Crollo delle nascite: in 10 anni più che dimezzate; rispetto allo scorso anno -30%

(di Claudio Ronchi) – C’è, drammatico, a La Maddalena, un crollo delle nascite, un preoccupante, abbondante, dimezzamento. Se infatti 10 anni fa, nel 2008, i bimbi nati all’Isola sono stati 93, a fine novembre di quest’anno 2018 (22 novembre) se ne contano appena 44. E non c’è da illudersi che da qui alla fine dell’anno possano crescere in maniera significativa.

Il dato di quest’anno conferma la tendenza sviluppatasi nell’ultimo decennio, che ha visto una progressiva, inesorabile diminuzione delle nascite. I dati, che sono dell’anagrafe comunale, registrano i bimbi nati all’Isola o altrove (negli ultimi 2 anni quasi tutti a Olbia o Sassari, vista la chiusura del punto nascita del Paolo Merlo) da genitori maddalenini, che vengono registrati per la prima volta in un’anagrafe, che è quella di residenza dei genitori e quindi di La Maddalena.

Anche rispetto a 5 anni fa il crollo è consistente. Nel 2013 infatti i bimbi nati erano stati 80; poco meno del doppio degli attuali. Ma vediamo meglio i dati disponibili: nel 2004 furono 95; nel 2005 furono 93; nel 2007 i nati furono 102; nel 2008 furono 93; nel 2013 furono 80; nel 2014 furono 84; nel 2015 furono 61; nel 2016 furono 58; nel 2017 i nati furono 65 mentre, come già scritto, a novembre 2018 sono stati 44. Ammesso ottimisticamente che in quest’ultimo mese di dicembre si possa arrivare a 50 nascite, la diminuzione, rispetto rispetto allo scorso anno, sarebbe del 30%. Un risultato drammatico, se si considera, per esempio, che il calo demografico nell’ultimo anno in Sardegna è tendenzialmente del 3,50%.

Come scritto sopra, non si può attribuire questa contrazione clamorosa alla sola chiusura del punto nascita del nostro ospedale, considerato il fatto che la riduzione è stata progressiva negli anni dieci anni. Ci sono evidentemente altre cause che vanno anche oltre la tendenza regionale e nazionale di fare meno figli. C’è evidentemente una crisi locale, che porta via dall’Isola molti giovani in età fertile e che poi poco consente, a coloro che vi rimangono, di mettere al mondo dei figli. Temi questi che potrebbero essere oggetto di un serio approfondimento.

Pubblicato da il 26 novembre 2018. Archiviato in Attualità,News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.