,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. Da tutta Italia al raduno del Corso ’69 MM

(di Claudio Ronchi) – Cinquant’anni dopo si sono voluti ritrovare, ormai ex militari di Marina, laddove fecero insieme il primo corso, dove iniziarono le loro carriere. Da tutta Italia sono convenuti a La Maddalena e si sono riabbracciati, ricordando anche chi di loro non c’è ormai più. È successo venerdì, sabato e domenica scorsi, in occasione appunto del 50° anniversario di arruolamento, presso le “Scuole C.E.M.M. Domenico Bastianini e la Faravelli.

Gli appartenenti al corso ‘69 di tutte le categorie si ritroveranno per rinnovare quel fraterno sentimento di appartenenza che li unisce”, aveva scritto in un comunicato, Stefano De Luca, organizzatore dell’incontro. Peccato che il maltempo abbia un po’ limitato il programma che ha visto venerdì 17 maggio, una visita guidata presso la Scuola Sottufficiali e scambio di saluti e crest con il comandante della Scuola, Danilo Usai; la sera c’è stata la partecipazione ad una Messa, celebrata dal parroco don Domanski, in ricordo dei colleghi scomparsi, con lettura della Preghiera del Marinaio. Sabato 18 maggio, era in programma una escursione nell’Arcipelago e il lancio in mare davanti all’isola di Santo Stefano presso “Stele in Ricordo dei Caduti del Mare”, di una corona. A causa delle avverse condizioni meteomarine la cerimonia si è svolta dalla banchina di Spalmatore.  Domenica 19 maggio, c’è stata la visita alla Casa Museo di Giuseppe Garibaldi e al Memoriale Garibaldi. Nel corso della tre giorni maddalenina, i corsisti del ’69 hanno incontrato il direttore marittimo di Olbia Trogu e il comandante della capitaneria di porto di La Maddalena, Bonaguidi.

“Eravamo in molti allora, e per svariate ragioni non tutti hanno avuto l’opportunità di prendere parte a questa ricorrenza per noi così importante” ha detto l’organizzatore Stefano De Luca “ma idealmente sono con noi oggi, e di certo, ovunque essi siano, sentiranno il nostro calore. Questi giorni del raduno sono stati colmi di allegria e serenità; abbiamo avuto il piacere di incontrarci di nuovo, con lo sguardo pieno di orgoglio di chi sa di appartenere ad un Arma speciale.  Perché anche se ormai siamo veterani, noi lo sappiamo bene che chi è marinaio per un giorno è marinaio per sempre!”.

Pubblicato da il 19 maggio 2019. Archiviato in Attualità,News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.