,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena: Dal 25 marzo studenti-velisti del progetto L’Aula sul Mare

Il 25 marzo prenderà il largo, partendo da La Maddalena, la quinta edizione del progetto di formazione marinaresca e integrazione giovanile chiamato: L’Aula sul Mare. Dopo aver solcato i mari della Sicilia, del Lazio e della Toscana, la flotta dell’Aula sul Mare esplorerà l’Arcipelago di La Maddalena.

Molti giovani studenti provenienti da tutta Italia, vivranno per sei giorni a bordo di imbarcazioni a vela d’altura. Tale esperienza metterà alla prova la loro capacità di adattamento e integrazione.

Per sei giorni gli studenti dei nostri Istituti di Istruzione Superiore – afferma il presidente di Oxygene Sail, che organizza l’evento – saranno sottoposti a un vero addestramento marinaresco che li porterà a scoprire i propri limiti e i propri punti di forza. Lavoro di gruppo, fatica, spazi ridotti e condivisione, saranno il pane quotidiano per questi ragazzi, oggi studenti, domani speranza di cambiamento”.

L’amministrazione comunale, prosegue il presidente, “ci ha sostenuto nella complessa organizzazione di questo progetto, mettendo a disposizione le sue strutture”. L’Ente Parco Nazionale consentirà alla flotta dell’Aula sul Mare di esplorare una delle perle del Mediterraneo e conoscerne a fondo il delicato ecosistema; le nostre sette imbarcazioni a vela d’altura saranno uno strumento a disposizione del Parco per ripulire, monitorare e studiare il mare e la sua popolazione”.

Da parte degli organizzatori c’è anche un impegno per salvaguardare il pianeta. “Noi lo faremo” afferma Tommaso Cerulli Irelli, “sia in mare che a terra, eliminando dalla nostra cambusa plastica e prodotti chimici e bandendo gli sprechi. Valorizzeremo il territorio e la stagionalità dei suoi prodotti, useremo saponi biodegradabili e insegneremo il senso della misura al nostro equipaggio”.

Pubblicato da il 22 marzo 2019. Archiviato in Attualità,Sport. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.