,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. Dieci anni fa 141 licenziati ex Usa assorbiti da Comuni, Ministeri, Asl e Parco

(di Claudio Ronchi) – Il primo ente pubblico che 10 anni fa assunse gli ex dipendenti Usa, rimasti senza lavoro dopo la partenza della Marina degli Stati Uniti da La Maddalena, fu il Comune di Palau. Era il 4 gennaio del 2010 quando 25 ex USA presero servizio presso il Comune dell’Orso. Negli stessi giorni anche il Parco Nazionale Arcipelago di La Maddalena procedette all’assunzione di 11 ex dipendenti americani. Il decreto del Ministero della Funzione Pubblica pubblicato poche settimane prima, prevedeva che i 141 lavoratori della Base Americana venissero rapidamente assunte nelle altre seguenti amministrazioni: 40 presso il Comune di La Maddalena, 2 presso il Comune di Arzachena, 2 nel comune di Olbia, 5 nel Comune di Santa Teresa Gallura, uno nel Comune di Castelsardo, 5 presso la Asl di Olbia, 3 presso gli Uffici Provinciali di Palau, 5 presso gli Uffici Provinciali di Olbia, 7 persone ad Arzachena presso gli uffici dell’Unione della Bassa Gallura, 22 presso il Museo Garibaldino di Caprera, 2 persone presso il Ministero di Grazia e Giustizia (una a Olbia e una a Tempio), 2 presso il Ministero della Pubblica Istruzione (una a Firenze e una Vicenza), 2 presso il Ministro degli Interni (una a Livorno ed una Taranto), una presso il Consiglio di Stato di Cagliari. C’è da ricordare che per coloro ai quali furono assegnate le sedi più lontane rispetto a La Maddalena si trattò in effetti del soddisfacimento delle richieste da parte degli stessi dipendenti, interessati ad essere assunti in sedi più lontane. Ai primi di gennaio del 2010 volgeva così felicemente a termine la vertenza iniziata due anni prima, con la chiusura della Base Americana di La Maddalena e il licenziamento dei 141 dipendenti civili italiano, in gran parte maddalenini.  C’è da ricordare, ad onor del vero, e chi scrive seguì giornalisticamente la vicenda con grande attenzione, che grande merito per la buona riuscita dell’operazione fu da attribuire a due sindacalisti, Massimiliano Guccini della Uil e Stefano Giorgi della Cisl.

Pubblicato da il 19 Gennaio 2020. Archiviato in Attualità,News,Storia. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.