,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. Don Davide Mela è il presidente degli Oratori

(di Claudio Ronchi) – Don Davide Mela è il presidente degli oratori San Domenico Savio e San Giovanni Bosco. Si avvale della collaborazione di due vice presidenti: Franco Romano per l’Oratorio di Moneta e Massimo Porcu per quello di via Balbo. Il sacerdote vice-parroco e i due laici sono stati eletti mercoledì 30 gennaio dall’ assemblea dei due oratori. Una realtà importante, quella degli oratori a La Maddalena, attorno ai quali ruotano circa 200 persone, tra bambini, giovani e adulti.

Questioni di carattere giuridico, amministrativo, fiscale e “pratico” hanno indotto il parroco di Maddalena e Caprera, don Andrea Domanski, a indicare questa scelta, che in effetti rientra in quella pastorale di progressiva unificazione delle due parrocchie cittadine, voluta dal vescovo Sanguinetti, per ora ancora distinte sebbene accomunate nello stesso parroco. È stato poi eletto il direttivo, che è unico. Il segretario è Luciano Ferrandu, il tesoriere Simon Formentin, vice tesoriere Tamara Tedde. Del direttivo fanno poi parte i rappresentanti designati dalle altre realtà (catechiste, bande, cori, gruppo teatrale, ecc.) delle due parrocchie.

Ieri 31 gennaio, memoria di San Giovanni Bosco, era la festa dell’oratorio di via Balbo a lui dedicato. Lì è stata celebrata Messa da don Davide Mela e dal parroco don Domanski con animazione da parte del coro omonimo diretto da Gianni Deriu. Erano presenti i bambini del catechismo di Santa Maria Maddalena che lo frequentano ai quali si sono aggiunti quelli della Parrocchia Militare che è ormai da tempo senza parroco e che sono stati “assorbiti”, insieme alle due catechiste, da Santa Maria Maddalena.

“Tutte le attività degli oratori devono procedere insieme in un’unica famiglia” ha detto don Mela. Che ha sottolineato lo spirito salesiano, cioè della formazione dei bambini e dei giovani, dei due oratori che hanno come “patroni” proprio San Giovanni Bosco e San Domenico Savio che del primo fu allievo.

Alla Messa era presente il vice sindaco Massimiliano Guccini.

Pubblicato da il 1 febbraio 2019. Archiviato in Cultura,News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.