,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. La Giannessi ha parlato degli egizi, di cosmesi e profumi

(di Claudio Ronchi) – Non poteva mancare neanche quest’anno all’ormai consueto appuntamento con gli amanti della civiltà egizia, maddalenini e turisti, appuntamento giunto alla quinta edizione, l’egittologa prof. ssa  Gianna Giannessi. Dopo aver trattato, negli anni scorsi, sempre nella biblioteca comunale, vari aspetti della civiltà  egizia, come le Poesie  d’amore, i Canti ortodossi e eretici, i Cibi e le bevande, la Medicina, quest’anno ha  particolarmente interessato l’uditorio parlando dell’igiene e della cosmesi praticata in Egitto fin dai tempi più antichi e mostrando  numerose immagini.

“Nelle case più ricche – ha informato la Giannessi – erano presenti stanze per il bagno e anche sedili di toilet in pietra o legno”. Si lavavano anche i denti con spazzolini e preparati a base di bicarbonato e usavano deodoranti per il corpo.

Ma ciò che ha maggiormente interessato l’uditorio, in buona parte femminile, è stata la cosmesi, “nata come cura giornaliera delle statue degli dei, prevedeva il trucco di viso, occhi e capelli e l’uso di profumi e unguenti per il corpo, necessari  nell’arido clima egiziano.  Unguenti e profumi a base di oli e componenti di  pregio erano preparati nei laboratori annessi ai templi e quindi molto costosi e destinati alle persone più abbienti”.

L’uso di disegnare il contorno   dell’occhio, ha proseguito Gianna Giannessi, “con prodotti a base di galena, era legato alla prevenzione e alla cura delle malattie degli occhi, dovute al calore, agli insetti e alla sabbia.  Cura particolare era riservata ai capelli, in genere tenuti molto corti anche per il diffondersi delle parrucche, di varia foggia secondo le epoche”. Questo per quanto riguarda i ceti più abbienti naturalmente. Il popolo poteva consentirsi soltanto balsami a base di olio di ricino, che costava ovviamente poco e che come tramandato da Erodoto, “erano anche poco gradevoli all’olfatto!”.

Pubblicato da il 6 luglio 2018. Archiviato in Brevi,Cultura. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.