,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. Lunedì c’era il vescovo, per la Giornata del Malato

Lunedì 12, il giorno dopo la celebrazione della Madonna di Lourdes e la Giornata Mondiale del Malato, dopo aver fatto tappa il giorno precedente negli ospedali di Tempio e Olbia, il vescovo Sebastiano Sanguinetti è giunto a La Maddalena per visitare gli ammalati delle Paolo Merlo, gli anziani della Casa di Riposo Padre Salvatore Vico, e per celebrare Messa solenne in Santa Maria Maddalena.

Il freddo particolarmente pungente ha fatto sì che non fossero molte le persone ammalate presenti ma c’era un buon numero di fedeli, qualche medico, qualche infermiere e diversi volontari ospedalieri.

“La persona ammalata ha bisogno non solo della pillola, della terapia, ma ha bisogno di un sorriso, di un incoraggiamento, ha bisogno che qualcuno sia al suo fianco per le sue preoccupazioni, la sua angoscia, il suo senso di solitudine, quel senso di fragilità che noi sentiamo nel momento della prova, nel momento della malattia”, ha detto durante l’omelia monsignor Sanguinetti.

“Insieme alla medicina, dunque, la persona ha bisogno di questa vicinanza. Ben venga certamente la professionalità, ben venga la scienza, il progresso della scienza nell’ambito medico. Però è importante che la scienza e la professionalità di chi cura siano accompagnati da questa ‘passione del cuore’. La consapevolezza cioè che lì c’è una persona che soffre e che ha bisogno di amore”. Claudio Ronchi

Pubblicato da il 13 febbraio 2018. Archiviato in Attualità,News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.