,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena: Pillole di storia 18. L’arrivo del Santo Stefano

La Maddalena: Pillole di storia 18. L’arrivo del Santo Stefano.

L’11 aprile del 1992 (vent’anni fa) fu inaugurato sulla tratta marittima La Maddalena-Palau il traghetto della Saremar Isola di Santo Stefano, gemello dell’Isola di Caprera (entrato in linea pochi anni prima) capace di trasportare 600 passeggeri e 98 auto. All’inaugurazione erano presenti l’assessore regionale ai Trasporti Giovanni Desini (PSDI), il sindaco Giuseppe Deligia, l’assessore provinciale ai Trasporti Franco Del Giudice, l’amministratore delegato della Saremar Ravera e il vescovo Pietro Meloni. Ci vollero però diversi giorni ed una conferenza di servizi perché potesse entrare in linea. Dopo l’uscita di scena di qualche anno prima del Jolly Ferry (famiglia Pasqualino Serra) e del Centoscudi (famiglia Onorato di Carloforte poi stabilitisi nell’Arcipelago), il monopolio dei collegamenti era ritornato alla Saremar fino all’arrivo, nel 1991, della società S&Z che aveva portato a La Maddalena due grossi traghetti (non nuovi) acquistati in Norvegia. TeleVideo Maddalena con alcuni servizi curati da Tina Sulas documentò sia la partenza degli equipaggi maddalenini per la Norvegia, per ‘prendere’ i traghetti all’arrivo in porto degli stessi. C’è da aggiungere come esattamente vent’anni fa non ci fosse ancora il collegamento notturno. L’ultima corsa da Palau era alla mezzanotte e la prima dalla Maddalena alle 4:30. Con un isolamento di 4 ore e mezza. Claudio Ronchi

Pubblicato da il 24 luglio 2012. Archiviato in Storia. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.