Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. Proposte per la salvaguardia delle Bocche di Bonifacio

Intervenendo al meeting svoltosi il 9 novembre a Roma presso il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, il sindaco Luca Montella ha espresso la necessità di implementare le misure di tutela dell’area marina delle Bocche di Bonifacio, con l’ausilio dei moderni strumenti tecnologici e l’impiego di tutti i servizi necessari, per scongiurare qualsiasi tipo di incidente. E dopo aver ricordato l’impegno costante della Guardia Costiera (che gestisce il sito di monitoraggio e controllo del traffico di Guardia Vecchia), ha manifestato la disponibilità dell’Amministrazione Comunale ad ospitare in proprie strutture eventuali servizi aggiuntivi che la Guardia Costiera riterrà di implementare. L’incontro era una riunione tecnica finalizzata all’adozione di particolari misure di tutela, di rilievo internazionale, per la protezione di una delle più importanti e sensibili aree marittime del Mediterraneo, le Bocche di Bonifacio. L’incontro era presieduto dall’ispettore capo Vincenzo Melone, ed erano presenti esponenti funzionari del Ministero dell’Ambiente, del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, del Ministero degli Esteri, della Regione Sardegna, il sindaco di La Maddalena il commissario del Parco Nazionale. Il comandante Melone, al termine dell’incontro, ha delineato alcune possibili linee d’azione da tradurre al più presto in una specifica proposta da condividere preliminarmente con le autorità francesi, per essere sottoposta successivamente all’International Maritime Organization (Organizzazione Marittima internazionale) per il successivo recepimento da parte della comunità internazionale. Tra le principali iniziative, il rafforzamento, in forma sperimentale, del servizio di pilotaggio, che fornisce un’importante assistenza in termini di sicurezza al naviglio mercantile in transito nell’area e l’implementazione del sistema di gestione delle emergenze, con l’individuazione di luoghi per l’accoglienza delle navi che necessitano di assistenza.

Pubblicato da il 13 novembre 2017. Archiviato in Attualità,News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.