,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. PUL: 5 spiagge per matrimoni e unioni civili, 3 spiagge per gli animali

La Maddalena. PUL: 5 spiagge per matrimoni e unioni civili, 3 spiagge per gli animali
(di Claudio Ronchi) – Il Piano di Utilizzo dei Litorali recentemente adottato dal consiglio comunale di La Maddalena tra le altre cose che va a regolamentare, prevede anche che 3 spiagge possano essere dedicate agli animali e 5 utilizzabili per contrarre matrimonio e unioni civili. Oltre a quella già esistente a Caprera il PUL, per gli amici a quattro zampe, prevede una spiaggia anche a Carlotto e una a Giardinelli (isola di Maddalena). Per quanto riguarda il coronamento dei sogni d’amore più o meno eterni il PUL individua 3 spiagge a Spargi e 2 a Maddalena.
Prevede anche che le strutture ricettive possono avere concessioni ad uso esclusivo dei clienti. Il PUL prevede che nell’Arcipelago si possano realizzare, e dove, pontili e piattaforme galleggianti. Di concessioni però se ne possono rilasciare solo una decina, visto che solo poche spiagge superano i 105 metri, misura stabilita dalla normativa regionale per le isole minori. Oltre alle tre isole principali, Maddalena, Caprera e Santo Stefano, il PUL regolamenta con le isole minori di Spargi, Budelli e Razzoli.
“Puntiamo a tutelarle consentendone una fruizione consapevole” afferma l’assessora all’Urbanistica, Annalisa Gulino (nella foto). “Per esempio sia a Spargi che a Budelli che a Razzoli abbiamo previsto degli info point e servizi minimi legati anche a percorsi naturalistici”. Per Spargi e Budelli anche delle piattaforme. In linea generale sono sempre parole dell’assessora, il PUL tende alla tutela e alla conservazione con funzione eco-sostenibile del territorio. Riconferma il PUL i servizi turistici esistenti, consentendone di nuovi, cercando di implementare le attività turistiche legate agli sport acquatici tipici come quelli della vela.
Il PUC approvato regolamenta 170 km di costa, che rappresenta il 10% dello sviluppo costiero di tutta la Sardegna, disciplinando le attività turistiche-ricreative sul demanio marittimo, escluse le aree portuali che vanno dal ponte di Caprera fino a Punta Nera (inizio strada per Padule-Nido d’Aquila).

Pubblicato da il 19 aprile 2019. Archiviato in Attualità,News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.