,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. Stranieri in aumento (da 41 paesi del mondo) con popolazione complessiva in diminuzione

È singolare quello che è avvenuto negli ultimi 10 anni a La Maddalena dal punto di vista demografico. Se da una parte, infatti, si è avuta una diminuzione della popolazione complessiva del 6,3%, dall’altra, invece, si è registrato un aumento della popolazione straniera residente. Questa è infatti passata dal 4,6% dell’anno 2008 al 5,2% nel 2017. Il dato è più significativo se si considera che questa popolazione non italiana è aumentata numericamente a fronte di una riduzione complessiva della popolazione residente di 630 unità (da 11.842 abitanti nel 2008 a 11.212 del 2017).

Sarebbe interessante capire le ragioni per le quali, in un periodo storico di crisi per l’isola, dal punto di vista economico ed occupazionale (qui, alla crisi nazionale si aggiunge quella locale successiva alla partenza della Marina degli Stati Uniti e al progressivo disimpegno dello Stato, a cominciare dalla Marina Militare), un numero crescente di persone, provenienti da ben 41 Stati diversi del mondo, trovino conveniente e opportuno scegliere come luogo di lavoro, vita e residenza, proprio l’Arcipelago in crisi. E c’è da precisare che questo fenomeno non viene, almeno fino ad ora, interessato dal flusso dei migranti, del quale ci parlano quotidianamente le cronache nazionali, conosciuto invece in altre località anche dalla Sardegna. Qui stiamo parlando di persone che non sono in transito o sono presenti temporaneamente in centri d’accoglienza ma iscritte all’anagrafe e quindi più o meno stabilmente presenti a La Maddalena.

I dati fissati al 31 dicembre 2017 contano in 587 i cittadini stranieri iscritti all’Anagrafe Comunale. Il gruppo più numeroso continua a rimanere quello dei cittadini romeni, forti di 242 persone (la metà della popolazione straniera). A notevole distanza seguono i cittadini del Senegal (61), del Marocco (40), della Cina (33). In numero di 27 sono gli ucraini, 21 sono i cittadini polacchi, 20 quelli francesi, 16 i cittadini Usa, 12 gli inglesi, e poi via via, in numero più contenuto, sono presenti cittadini di tutti i continenti del mondo, esclusa l’Oceania. Claudio Ronchi (1-continua)

Pubblicato da il 10 febbraio 2018. Archiviato in Attualità. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.