,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. Studenti in sciopero per la sicurezza del liceo di via Trinita; con l’appoggio di alcuni insegnanti

(di Claudio Ronchi) – Sono scesi in sciopero gli studenti liceali di via Trinita, oggi venerdì 6 dicembre. Ieri giovedì, il rappresentante degli alunni, Matteo Migliaccio, aveva chiamato i vigili del fuoco per verificare le condizioni di sicurezza dell’edificio che presenta alcune problematicità, tipo infiltrazioni d’acqua, un quadro elettrico che era saltato ma soprattutto per il fatto che siano chiuse, con una rete arancione, le uscite di sicurezza che si affacciano su una scala esterna, come si può vedere dalla foto. In classe questa mattina non è entrato nessuno e a sostenere i ragazzi c’erano anche molti genitori oltre all’assessora Mariapia Zonca. L’edificio, di costruzione relativamente recente, è di proprietà della Provincia di Sassari e rientra quindi nelle sue competenze.

La presa di posizione dei ragazzi è stata vista favorevolmente anche da alcuni insegnanti i quali – dopo che gli studenti hanno manifestato davanti alla scuola e sfilato in corteo per le vie del centro – li hanno raggiunti nel salone consiliare dove erano ad attenderli la stessa assessora Zonca, il collega Claudio Tollis, il presidente del consiglio comunale Roberto Ugazzi e il sindaco Luca Montella.

Il primo cittadino si è fatto spiegare le ragioni della protesta, e quando Matteo Migliaccio ha riferito di aver telefonato i vigili del fuoco sia il sindaco che l’assessore Zonca hanno commentato “hai fatto bene”, non si scherza con la sicurezza.

Gli insegnanti presenti erano una decina. Alcuni di loro hanno preso la parola, come la professoressa Luisella Monni, che ha affermato che “la loro protesta è un modo per sensibilizzare la Provincia affinché i tempi così lunghi si accorcino. Non è più sopportabile continuare in questa situazione. Le infiltrazioni, l’odore di bruciato che ci fa temere per il peggio, la scala inagibile; noi siamo a favore della sicurezza!”.

La professoressa Ivana Trimboli ha affermato poi di essere anche lei per “la sicurezza nella scuola. I ragazzi lo sanno, ne abbiamo sempre parlato, io sono al vostro fianco ma non per questo sono contro la preside che sta facendo di tutto per risolvere la situazione”. È intervenuta anche la Rayner, insegnante di inglese.

“Siate incisivi ma civili” si è raccomandato il sindaco Montella alla fine dell’incontro durato una mezz’oretta. Dopodiché in corteo gli studenti si sono diretti verso l’Istituto Nautico, dove hanno incontrato la preside Bianca Maria Morgi.

Pubblicato da il 6 Dicembre 2019. Archiviato in Attualità,News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.