,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena-Teano. Proposto il gemellaggio nel nome di Garibaldi

(di Claudio Ronchi) – Da Teano, Alfredo D’Andrea, medico, è venuto il 2 giugno alla Maddalena sia per onorare presso la sua tomba Giuseppe Garibaldi, che proprio nella città di cui è sindaco, nel 1860 “consegnò” il meridione d’Italia e la Sicilia al re Vittorio Emanuele II, sancendo di fatto l’unificazione italiana, sia per proporre al collega Montella di gemellare le due cittadine, “legate dal filo rosso garibaldino”, particolarmente in un momento nel quale sembra appannarsi per motivi vari e diversi la figura dell’eroe. Il sindaco di Teano ha anche invitato il primo cittadino di La Maddalena per il prossimo 26 ottobre, quando nella cittadina campana si festeggerà la ricorrenza dello storico incontro (26 ottobre 1860). “Nei prossimi giorni convocherò la giunta per deliberare la proposta di gemellaggio” ha detto D’Andrea, e se altrettanto farà il collega isolano è possibile che in quella data possa essere firmato il primo atto da “controfirmare” poi nell’isola garibaldina.  Alfredo “Dino” D’Andrea era la prima volta che veniva alla Maddalena ed è rimasto entusiasta di questa trasferta.

Il gonfalone di Teano era in prima fila, accanto a quello di La Maddalena, durante la cerimonia nella piazza Garibaldi per la festa della Repubblica (benedizione e deposizione di corone, lettura dei messaggi del Presidente della Repubblica e del Ministro della Difesa) davanti a un picchetto armato della Marina Militare; ed era in prima fila, il gonfalone di Teano, durante la sfilata che ha portato i numerosi presenti, provenienti da diverse parti d’Italia (c’era anche una delegazione del Brasile), con i loro vessilli, nella piazza Umberto I, dove corone e mazzi di fiori sono state deposti davanti alla statua del Maggior Leggero, fedele amico di Garibaldi e suo compagno d’armi, e al busto di Anita, la leggendaria moglie dell’eroe morta ancor giovane dopo la caduta della Repubblica Romana. Solenne poi è stata la manifestazione nel sacrario di Caprera. Il sindaco D’Andrea ha partecipato poi, e preso la parola, al convegno su Garibaldi organizzato nel salone consiliare. Due i temi trattati: “Giuseppe Garibaldi storia e mito”, a cura di Giuseppe Zichi, presidente Istituto per la Storia del Risorgimento, Sezione di Sassari; e “Il pensiero di Garibaldi nella realtà repubblicana ed europea” a cura del prof. Franco Tamassia, presidente Istituto Internazionale di Studi G. Garibaldi.

Pubblicato da il 3 giugno 2019. Archiviato in Attualità,Cultura,News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.