,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. Un’emorragia di maddalenini

(di Claudio Ronchi) – Sono i maddalenini, quelli nati o residenti da molto tempo, ad essere andati via in questo decennio e non sono stati certamente in pochi. Lo si deduce dal fatto che tra il 2010 e il 2019 ben 753 isolani abiano trasferito la loro residenza altrove, mentre la popolazione straniera è aumentata. L’esodo dunque riguarda e ha riguardato solo la popolazione “stanziale”. Se negli anni ‘50 e ‘60 del ‘900 furono molti i maddalenini che emigrarono in cerca di lavoro in Svizzera, Francia, Germania Argentina ecc., la maggior parte dei quali senza più tornare, sono ora quelli che si possono considerare i loro nipoti o pronipoti, a prendere il traghetto, la nave o l’aereo, per andare a cercare lavoro e migliori opportunità vita: chi a Olbia, Sassari o Cagliari, chi a Roma o al Nord, chi in Germania, Inghilterra, Francia, o in Centro e Nord America (sono queste le maggiori destinazioni). Una popolazione composta da giovani isolani e anche da trentenni e quarantenni e da qualche cinquantenne, che difficilmente torneranno all’Isola se non per le ferie o per piangere i loro cari. Rimane poi da capire i motivi per i quali, specialmente per i cittadini dell’Est europeo e dell’Africa, La Maddalena rimanga ancora così “appetibile”, tanto da giungervi, rimanervi e prendervi la residenza.  Nello stesso decennio infatti la componente straniera della popolazione è salita da 549 a 607 residenti, +58, pari ad un aumento del 10,5%.

Pubblicato da il 12 Febbraio 2020. Archiviato in Attualità,News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.