,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. Valori dell’8 marzo; La Zonca: Mi piacerebbe poter fare l’Educazione Sentimentale nelle scuole

(Claudio Ronchi) – C’erano il gruppo teatrale Incantesimo e la cooperativa La Mimosa alla manifestazione celebrativa dell’8 marzo, in piazza Garibaldi tra l’atrio comunale e la piazza, per la manifestazione organizzata dall’Assessorato alle Pari Opportunità, del quale è titolare Mariapia Zonca. “Io non ho mai amato definirla una festam quella dell’8 marzo, anche quando non balzavano agli ‘onori’ della cronaca, purtroppo, quello che succede praticamente ogni giorno”, ha affermato l’assessora.

“Non l’ho mai amata definirla una festa ma la Giornata Internazionale della Donna, con tutte le problematiche ad essa connesse in merito alla vita delle donne”. Quello che è stato organizzato nella piazza è stato un Flash Mob “W All of Dolls, per non dimenticare tutte le donne vittime di violenza!”. Analoga manifestazione con gli stessi contenuti sono stati realizzati quest’estate, nella Piazza Comando, con la cantante Joe Squillo. “E vedremo quest’estate di farlo anche in altre forme”, ha detto la Zonca.

“Questa giornata ci riporta a pensare a tutte le donne che vengono uccise ma voglio anche ricordare le migliaia di orfani che questa violenza produce. Mi fa piacere che qui ci siano ragazze e ragazzi; e mi piacerebbe poter fare l’Educazione Sentimentale nelle scuole, l’educazione al rispetto, delle donne ma anche di tutte le fragilità e delle minoranze che sono presenti nella società”.

Anche nella realtà maddalenina, purtroppo, c’è violenza nei confronti delle donne, ha detto l’assessora. “Abbiamo avuto diversi casi di donne maltrattate, di violenza sulle donne, fisica e morale. E questo avviene soprattutto quando la donna non è economicamente indipendente, non è economicamente emancipata. E mi preoccupa quando i figli assistono a tali violenze, perché potrebbero, da grandi, emulare i padri. Bisogna agire anche culturalmente e diffondere l’educazione al rispetto”.

Pubblicato da il 8 marzo 2018. Archiviato in Cultura,News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.