,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Palau. (6) Breve storia nel ricordo dei sindaci Bulciolu, P. Aresu, Pisotti, (S. Aresu) Brandano; L’intervento di Manna: i nostri pionieri economici

(di Claudio Ronchi) – “L’immagine che oggi abbiamo di Palau, rispetto al momento dell’istituzione del Comune, non è solo il frutto dell’impegno degli amministratori e di chi materialmente ha governato il nostro paese e a cui certamente dobbiamo rendere omaggio. Il mio pensiero va anche all’iniziativa della gente comune e di piccoli e medi operatori economici che sono riusciti in tutti questi anni a rendere attraente il nostro territorio e a costruire una comunità importante e produttiva”. Su questo argomento particolarmente si incentrò l’intervento di Francesco Manna, allora consigliare di minoranza, oggi sindaco, nel corso della cerimonia di celebrazione del cinquantenario dell’Autonomia svoltasi l’8 aprile del 2009. “Insomma credo che sia doveroso rendere omaggio e dire grazie anche a tutto quel tessuto economico, sociale e religioso che è emerso e che ha saputo costruire Palau nel corso degli anni. E in particolare mi riferisco alle associazioni di volontariato, a quelle sportive, alla comunità ecclesiastica, ai consorzi e ai tanti singoli imprenditori e commercianti che hanno lavorato per contribuire allo sviluppo del nostro Comune. Pionieri economici di questa incredibile trasformazione – disse Francesco Manna – tra i quali cito mio padre Domenico, Nicolino Serra, Giovannino Ciboddo, Guido Frediani, Tonino Nicoli, Salvatore Pischedda, Nicolino Orecchioni, Mario Colombo, Franco Aversano, Ninni Piga, i fratelli Cudoni, Anna Deiana, Bastiana Caburosso, Mario Orecchioni noto Carraiolu, Augusto Pileri e Domenico Pintus.  Non voglio dimenticare nessuno – proseguì l’attuale sindaco allora capogruppo di minoranza – ma questi sono i nomi che ora mi tornano alla memoria pensando alla mia giovinezza e ai ricordi di bambino, quando le strade bianche vincevano sull’asfalto e tutto era ancora da costruire”. Francesco Manna rivolse poi il suo “ricordo affettuoso” al “grande contributo che Rafael Neville ha dato allo sviluppo del nostro territorio: è grazie a lui, al suo sogno, alla sua idea di costruire Porto Rafael, nel 1963, se Palau ha iniziato il suo percorso turistico. Rafael ha creduto e ha scommesso sul nostro territorio forse più di chiunque altro e il suo sogno prosegue… Ma non voglio neanche dimenticare” concluse Manna “il dott. Angelo Cantoni e il dott. Da Ponte, gli allora rappresentanti della più importante società che ancora opera a Palau, che hanno trasformato il sogno di Rafael in realtà”. (6-fine)

Pubblicato da il 19 maggio 2019. Archiviato in Brevi,Cultura,News,Storia. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.