,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Palau. Col prof. Cenini sul delicato rapporto genitori-figli

(di Marilena Bruschi) – Ha suscitato molto interesse il primo corso che si è tenuto sabato sera a Palau con Alfredo Cenini, esperto in genitorialità e disagio adolescenziale. Un’ora di dialogo davanti ad una assemblea gremita di giovani coppie che avevano voglia di imparare, di riflettere e, soprattutto, di mettersi in discussione.

Educare non è un’arte, ha detto il professore, non vi è alcuna scuola ma è solo affrontare, a livello umano e cristiano, la propria storia, con tutti gli errori e le gioie, dicendo grazie a Dio del dono della vita. Con tanto entusiasmo e con semplici parole il prof. Cenini è riuscito a coinvolgere tutti i presenti partendo dall’ Autosabotazione, cioè creare delle scatole dove chiudersi per paura di sbagliare, scatole che ci deformano la realtà.   Ma vi è un rimedio, comunicare la grandezza, la meraviglia e lo stupore davanti alla vita. Come? Diceva un camaldolese “La vita è un bacio. La vita non è un concetto ma io ti dico chi Sei quando ti dimostro chi sei Tu per me”.

Il prof. Cenini ha poi ribadito che spesso i genitori costruiscono delle gabbie intorno ai figli, gabbie che diventano dei virus pericolosi “Sei stupido. Ti comporti sempre male a scuola”. È giusto essere fermi nelle cose sbagliate del figlio ma mai dimenticare le “carezze positive” sulle tante cose buone e meravigliose che ogni giorno fa e che spesso non vediamo o passano tutte come normalità.  Invece esistono i “colori della vita” da mettere in risalto perché questo educa alla spiritualità.

Ha concluso don Paolo Pala con i ringraziamenti dovuti e con l’invito ai genitori di non spegnere le speranze ai giovani ma di spronarli a fare e farsi delle domande anche se non sempre ci sono le risposte ma bisogna essere grati del fatto che si pongano degli interrogativi.

Un’ora trascorsa troppo in fretta per le cose che ancora voleva e poteva dire il prof. Cenini ma forse è meglio così perché ha lasciato il desiderio e l’attesa di un nuovo incontro.

Pubblicato da il 9 Dicembre 2019. Archiviato in Attualità,Cultura,News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.