,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Palau. L’inaugurazione dell’Asilo Nido Comunale, dieci anni fa

(di Claudio Ronchi) – Era visibilmente contento e soddisfatto il sindaco Cuccu, il 30 maggio del 2009, di dieci anni fa, prima dell’inizio e durante la cerimonia di inaugurazione dell’Asilo Nido comunale. Ma la gioia non sovrastò appieno l’amarezza, e nel corso del breve discorso due sassolini contro chi allora lo criticava non rinunciò a toglierseli. “Stiamo per inaugurare il primo Asilo Nido del Comune di Palau”, affermò solennemente, con l’aria di chi sapeva di aver realizzato un’opera “storica”. Adesso anche i più piccoli avranno la loro scuola. Fino ad ora bisognava avere tre anni per accedere ad una scuola pubblica, ora già dal terzo mese potranno avere una struttura a loro disposizione. Ma più di tutto parla quello che c’è dentro questo edificio, basta visitarlo, non c’è bisogno di aggiungere molto”. E ringraziò l’architetto Antonio Muzzeddu, presente di fronte a lui.

“Io credo che la comunità palaese lo debba ringraziare perché ha fatto un’opera che difficilmente verrà dimenticata. Questa struttura serve per 54 bambini, di cui 12 dai 3 ai 12 mesi.  E poi ci sono altri 42 posti per i bambini dai 12 mesi ai 36”.

Piero Cuccu ricordò che “la struttura, oggi Asilo Nido, prima era stata una caserma, poi cinema, poi il mattatoio. C’era – ricordò – qualcuno che voleva abbattere tutto, che diceva che queste strutture erano brutte, che non meritavano di essere recuperate. E c’era chi, come il sindaco che mi ha preceduto, voleva invece realizzare, qui a Montiggia, ciò che sta venendo piano piano su. Ora tutto ciò servirà per un servizio sociale di fondamentale importanza per le nostre famiglie” affermò soddisfatto. Ma un altro cruccio lo inquietava, prima della benedizione e del taglio del nastro. “Vorrei fare un’altra riflessione” disse, “a chi ha scritto che questa Amministrazione ha fatto poco per il paese. Non lo dico tanto per me, ma soprattutto per chi sta lavorando in questi due anni col sindaco, parlo della Giunta, del Consiglio e dei dipendenti del Comune. Io credo che ci sia chi si è sentito offeso nel sentirsi dire che non si stanno facendo le cose. I dipendenti del Comune di Palau, la Giunta del Comune di Palau, non dico che dobbiamo rispondere in modo cattivo, dobbiamo rispondere semplicemente facendo vedere una struttura come questa che oggi stiamo inaugurando, che siamo orgogliosi di aver fatto aprire, di far vedere a tutti. Soprattutto siamo orgogliosi di dire che questa struttura che oggi apriamo è per tutte le famiglie di Palau”.

Intervenne il parroco don Salvatore Matta, imperterrito fino a quel momento accanto al sindaco, ricordando che sabato 30 maggio 2009 era anche la festa patronale di Nostra Signora di Palau, che è Madre come le madri che avrebbero accompagnato i loro pargoli in quella bella struttura.

E prima della benedizione invocò il Signore perché avesse aiutato “ad essere sempre, in questo paese, forti e coraggiosi. Così come è stato per tutti questi anni. Ho visto tante persone – proseguì don Salvatore – e ciascuno di loro ha compiuto delle cose meravigliose, ma certo questa è una delle più meravigliose, proprio perché riguarda i nostri bambini, i più piccoli. Pace a questa casa e a tutti i suoi abitanti! Molti auguri a tutti, all’Amministrazione, ai nostri ospiti, a quelli che verranno qui, ai bambini, ai grandi, anche a quelli che non sono di Palau. Auguri a tutti!”, formulò don Matta. E poi fu festa ed allegria, con la visita alla struttura che apparve subito bella e all’avanguardia.

Pubblicato da il 14 maggio 2019. Archiviato in Brevi,News,Storia. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.