Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Papa Ponziano morì prigioniero a La Maddalena? (5)

La basilica di San Simplicio fu edificata agli inizi del XII secolo. Poi per Olbia ci fu di nuovo il declino che portò nel 1568 all’accorpamento della sede vescovile prima a Castelsardo, con denominazione “Civita e Ampurias” e poi alla soppressione del 1839, con la nascita della Diocesi di Tempio e Ampurias. Agli inizi dell’Ottocento Olbia-Terranova contava circa 2000 abitanti, più o meno come La Maddalena, che era nata ufficialmente, dopo secoli bui, nel 1767. L’excursus l’abbiamo fatto per mettere in evidenza che la memoria della prigionia di Papa Ponziano non poteva essersi mantenuta in quei lunghi e bui secoli in un arcipelago sostanzialmente disabitato, mentre lo poteva essere certamente in una località che, bene o male, aveva mantenuto una certa importanza e soprattutto era stata sede di Diocesi. Non si poteva in quella Diocesi non ricordare che in quello stesso territorio (le isole dell’Arcipelago ne facevano parte) fosse stato martirizzato un Papa, in isole un po’ lontane da Olbia, che nell’ approssimativo senso della geografia di quei secoli potevano facilmente scambiarsi: quelle più lontane di Santo Stefano e Maddalena con quelle più vicine di Tavolara e Molara. E ancor di più poteva ingenerare confusione il fatto che Santo Stefano sia isola vicina e più piccola rispetto a Maddalena, così come Molara è vicina e più piccola rispetto a Tavolara. A questo aggiungiamo, come riferisce l’archeologo Marco Agostino Amucano (articolo della Nuova Sardegna del 22 agosto 2016 a firma di Dario Budroni), che una certa tradizione olbiese del martirio di Ponziano a Molara risalirebbe alla presenza in quell’isoletta di un rudere di chiesetta, che faceva parte piccolo monastero duecentesco femminile, e che le religiose avrebbero intitolato la loro chiesetta a San Ponziano, non perché ritenessero che lì fosse stato martirizzato ma solo per analogia tra la sua e la loro condizione di isolamento. D’altra parte, se Ponziano fosse stato martirizzato a Molare, possibile che lì, essendo stata Olbia sede di Diocesi, nessuno nei secoli lontani abbia posto un “segno”, mai, ci risulta, ritrovato?

(5– fine) Claudio Ronchi

Pubblicato da il 23 marzo 2017. Archiviato in Storia. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.