,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Santa Teresa Gallura. C’è la coppia, il matrimonio tradizionale gallurese quest’anno si farà davvero

La tradizione, in primavera, si ripeterà. E quest’anno, a differenza del 2018, sarà una coppia vera a convolare a nozze, il prossimo 26 maggio, secondo la tradizione gallurese. Lo scorso anno infatti il matrimonio gallurese, “Lu coiu”, fu celebrato solo da due figuranti. E’ l’Associazione Ventu d’Agliola (finanziata dal  Comune di Santa Teresa Gallura), della quale è presidente Antonio Sardo, che si occupa dell’organizzazione dell’evento, a cominciare dalla sera che precede le nozze,  con la  “La Pricunta”, la richiesta della mano della promessa sposa in chiave figurativa e ironica da parte della famiglia del futuro sposo. Seguiranno balli e musiche tradizionali accompagnati da vermentino e dolci tipici galluresi.

 

Il giorno dopo ci sarà “Lu Coiu”, il  matrimonio tradizionale gallurese, e saranno presenti: il Gruppo di Figuranti in vesti tradizionali; due Gruppi Folkloristici; il Coro Polifonico; i Poeti Cantori per “Lu Bringhisi” (brindisi). Ci sarà poi il rinfresco con prodotti tipici bomboniere (dolcetti tradizionali confezionati con tulle). La mattina della cerimonia nuziale lo sposo andrà a prendere la promessa sposa, il corteo con i futuri sposi, i genitori, gli ospiti e parenti raggiungeranno la chiesa prescelta, dove saranno accolti dal coro. In chiesa inizierà il rito cattolico, che avverrà con alcune parti della liturgia in gallurese.

La Messa sarà arricchita dai canti del coro polifonico Santa Teresa Gallura, con brani tradizionali e sacri. Alla fine della cerimonia religiosa, sul sagrato della chiesa vi sarà la benedizione degli sposi da parte delle rispettive madri e la rottura del piatto contenente grano, monete e petali di fiori, di buon auspicio. A questo punto tutti i presenti saranno coinvolti in un rinfresco con “lu bringhisi” da parte di poeti galluresi e un banchetto con prodotti tipici, balli tradizionali.

 

Pubblicato da il 5 aprile 2019. Archiviato in Brevi,Cultura,Spettacolo. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.