,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Santa Teresa Gallura. Le ragioni del gemellaggio con Ponza

(di Claudio Ronchi)“La cosa che mi ha toccato tanto è stato vedere, quando siamo arrivati a Ponza, l’accoglienza che ci sono riservate da tutti i ponzesi, ad iniziare dall’amministrazione comunale; ma quando siamo arrivati con l’aliscafo, in banchina, c’è il sindaco con tutto il consiglio comunale, c’era la banda musicale, c’erano tutti i bambini delle scuole. Avevano preparato anche i fuochi d’artificio che però non hanno potuto sparare per il gran vento”. Il sindaco Stefano Pisciottu, parlando in consiglio comunale dell’imminente sottoscrizione del gemellaggio con l’isola di Ponza, in programma sabato 12 ottobre, ha ricordato con una certa commozione il viaggio che, un anno fa circa ha fatto, insieme a una sessantina di compaesani, nell’isola campana, della quale sono originali molti teresini, i quali con quell’isola e con quegli abitanti hanno continuato ad avere rapporti familiari e di amicizia.

“L’accoglienza è stata indescrivibile da parte di tutti cittadini; quando camminavamo per Ponza, dal bar ci chiamavano e ci invitavano”. è In quell’occasione si è rafforzata nel sindaco Pisciottu “la consapevolezza che è necessario statuire questo rapporto che ormai è indissolubile e che ha disegnato quella che oggi è la società civile di Santa Teresa”.

In occasione del gemellaggio giungerà a Santa Teresa una delegazione formata dal sindaco di Ponza, Francesco Ferraiuolo, alcuni membri della giunta e diversi cittadini ponzesi. Il gemellaggio è concomitante con i festeggiamenti patronali teresini.

Pubblicato da il 8 ottobre 2019. Archiviato in Attualità,Cultura,News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.