,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Santa Teresa Gallura. Nessuna decisione sul Festival sulle Bocche

(di Claudio Ronchi) – Ieri il consiglio comunale “ha deciso” di “non decidere” sulle “decisioni da prendere” per quanto riguarda il festival Musica sulle Bocche, dopo le polemiche scaturite da alcune affermazioni di Enzo Favata, direttore artistico della manifestazione organizzata dalla Jana Project, in merito alla politica praticata da Israele nei confronti dei palestinesi e alla presenza o meno dell’artista israeliano Eyal Lerner all’edizione di quest’anno. E questo nonostante le successive scuse dallo stesso direttore artistico e l’invito successivo alla partecipazione al musicista israeliano.

La posizione più dura è quella del sindaco Stefano Pisciottu il quale, dopo la delibera di Giunta di sospensione, ha proposto al Consiglio Comunale che almeno per quest’anno il festival non venga realizzato. Una posizione questa tuttavia che sebbene proposta in Consiglio a nome della maggioranza almeno per qualche suo componente non appare facile da ingoiare.

Le minoranze, pur condividendo le dichiarazioni del sindaco, si sono pronunciate per la ricerca di una soluzione, considerato che il Festival è un evento di rilevanza internazionale. Ed hanno suggerito di invitare Lerne ad un concerto al di fuori del Festival delle Bocche.

Dopo la parte ufficiale, il Consiglio Comunale è proseguito in forma aperta, con l’intervento di alcuni cittadini che si sono espressi, con motivazioni diverse, per la realizzazione del Festival anche quest’anno.

Alla fine, come detto, non c’è stata alcuna decisione in merito, e l’unico atto formale che ha tuttavia rilevanza giuridica è la delibera di Giunta che impone, all’apparato burocratico del Comune, la sospensione del Festival di quest’anno, in attesa di decisioni definitive che, tuttavia, non potranno essere ritardate per molto tempo

Il Comune di Santa Teresa finanzia il Festival, per la sua parte di competenza, con un contributo di 40.000 euro. Altri contributi giungono dalla Fondazione Banco di Sardegna e della Regione.

Pubblicato da il 19 marzo 2019. Archiviato in Attualità. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.