,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Santa Teresa Gallura.  Premio Lungoni: Per il gallurese vince Maria Sale di Chiaramonti; per il corso Anghjulu Canarelli. Targa “Andrea Quiliquini” a Domenico Battaglia di La Maddalena

(Redazione) – Con la cerimonia di premiazione, svoltasi sabato 7 dicembre, nel teatro “Nelson Mandela”, si è conclusa la 25^ edizione del concorso di poesia in lingua gallurese e corsa “Lungoni”. La giuria, formata da Piero Bardanzellu (presidente), Franco Fresi e Andrea Muzzeddu per la sezione sarda, e da Jean Marie Arrighi, Petru Leca e Joceline Casta per la sezione corsa, ha stilato la seguente classifica.

Per la sezione gallurese adulti il primo premio, unitamente alla targa del Comune, è stato conferito alla poetessa Maria Sale di Chiaramonti per l’opera “Neula di spantu” con la motivazione “poesia composta per descrivere il disincanto che si crea con il crescere dell’età. Un delicato intreccio di memorie e considerazioni in cui la disperazione viene vinta proprio dalla fervida fantasia che trova, nella effimera flessibilità delle nuvole, tutto il necessario per essere sereni”.

Il secondo premio è andato a Gianfranco Garrucciu di Tempio Pausania per “Che missadori” (Un canto rivolto al mondo del lavoro di un tempo, quello in cui la vita trovava il proprio sostentamento).

Il terzo premio se lo è aggiudicato Beatrice Gallus di Tempio Pausania per “Ca sei, tu?” (Un canto d’amore in cui melanconia e desiderio si rincorrono alla ricerca di un’oasi, in cui il sentimento possa riposare in uno spazio accogliente e sereno).

Nella stessa sezione sono state assegnante le targhe “Andrea Quiliquini” a Domenico Battaglia di La Maddalena per “Sogu“; la targa “Giulio Cossu” a Andrea Columbano di Olbia per “Mariposa”; la targa “Gianni Filigheddu” a Rica Lucia Pirina, di Olbia,per “Li fiuritti”. Sono state assegnate, inoltre, menzioni a Giovanni Maria Pala, Antonio Gavino Sotgia Clemente Decandia, Giovanni Andrea Paggiolu.

Nella sezione gallurese giovani il primo premio è stato assegnato a Marco e Francesca Cassoni, il secondo a Ambra Orecchioni, il terzo Andrea Hamze, tutti di Tempio Pausania.

Nella sezione corsa adulti, il primo premio, unitamente alla targa “Ghjuvanni Baptistu Stromboni”, è stato conferito a Anghjulu Canarelli per l’opera “Amori chjusu,amori fertu,amori piattu“, il secondo a Dominique Santelli per “Furesta è vita“, il terzo a Petru Saveriu Luciani per “Ritruvà i miei“.

Nel corso della cerimonia è stata effettuata un’analisi della evoluzione del concorso e degli sviluppi che si sono creati negli scambi culturali tra la Sardegna e la Corsica. Sono stati anche delineati sommariamente i possibili progetti da realizzare nelle prossime edizioni.

 

Pubblicato da il 9 Dicembre 2019. Archiviato in Cultura,News,Spettacolo. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.