,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Santa Teresa Gallura. Ritorna a maggio il matrimonio gallurese

Il   prossimo 27 maggio, come dal 2010, il Comune di Santa Teresa Gallura organizza “Lu Coiu“, il matrimonio tradizionale gallurese, che verrà celebrato da una coppia vera, e darà luogo ad un matrimonio vero. Gli sposi avranno l’abbigliamento della tradizione contadina.

Il giorno che precede le nozze, i futuri sposi, insieme a parenti e figuranti in costumi tradizionali, prenderanno parte alla “pricunta”, con un portavoce dello sposo che chiederà ufficialmente la mano della sposa. Seguiranno balli e musiche tradizionali, accompagnati da vermentino e dolci.

La mattina del matrimonio, lo sposo andrà a prendere la sposa in un antico stazzo gallurese, con un corteo di calessi e cavalli. Il corteo nuziale seguirà gli sposi e i genitori degli sposi che saranno sopra un carro addobbato a festa. All’arrivo del corteo nuziale a Buoncammino verranno accolti dal coro. In chiesa inizierà il rito secondo i canoni della Chiesa Cattolica Apostolica Romana. La celebrazione del rito religioso avverrà, con alcune parti della liturgia in gallurese. La Messa sarà arricchita dai canti del coro polifonico Santa Teresa Gallura, con brani tradizionali e sacri.

Alla fine della cerimonia religiosa ci sarà la benedizione degli sposi da parte delle rispettive madri e la rottura del piatto con grano, monete e petali di fiori, sul sagrato della chiesa.

A questo punto tutti i presenti saranno coinvolti in un rinfresco, “lu bringhisi”, da parte di poeti galluresi, e in un banchetto con prodotti tipici (il pane della festa, salumi, formaggi, vino, ecc..). Balli tradizionali chiuderanno la parte pubblica de lu coiu.

I futuri sposi che intendono candidarsi dovranno presentare l’apposita richiesta entro e non oltre il 17 marzo prossimo. Una commissione valuterà le domande e selezionerà la coppia, dando precedenza ai residenti del Comune di Santa Teresa Gallura.

Pubblicato da il 2 febbraio 2018. Archiviato in Cultura,News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.