,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Tempio. Celebra Messa a Olbia senza autorizzazione e il vescovo glielo vieta

“Ho avuto molteplici segnalazioni relative all’esercizio del ministero sacerdotale nella città di Olbia da parte di certo Padre Antyson Anthony Cheruvarappil; detto sacerdote incontra e riceve fedeli in case private; in seguito a tali incontri diversi fedeli avrebbero tratto grave turbamento spirituale”. È questo il testo della lettera che il vescovo Sebastiano Sanguinetti ha inviato ai sacerdoti e ai fedeli della diocesi e che i parroci hanno fatto affiggere nelle chiese.

“Notifico che il sedicente padre Antyson Anthony Cheruvarappil” prosegue il vescovo, “non ha mai né chiesto né ottenuto, come previsto dalle norme canoniche, alcuna licenza per l’esercizio del ministero nella nostra diocesi; in mancanza di tale mandato è fatto esplicito divieto di qualunque atto di culto liturgico o para liturgico e di esercizio del ministero presbiteriale nell’ambito del territorio diocesano”.

Dopo il divieto nella lettera è contenuto l’ammonimento: “Sia il sacerdote, sia i fedeli che consapevolmente ne favoriscono l’opera, si espongono a un grave abuso, che crea solo disorientamento nella coscienza delle persone in buona fede”.

Pubblicato da il 7 febbraio 2019. Archiviato in Attualità. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.