Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Un mediatore tra movida e riposo notturno

MovidaÈ interessante l’iniziativa che prenderà presto vita ad Alghero: lo sportello di conciliazione dei decibel. La città catalana, da decenni leader in Sardegna tra i centri turistici, vive nei mesi tra giugno e settembre il problema di conciliare le esigenze della vita notturna (movida) con quelle dei cittadini che, ad una cert’ ora della notte, vorrebbero dormire in santa pace. Annosa questione finora irrisolta.

Al fine di porre riparo ad una lacerazione tra cittadini, ognuno dei quali recanti le proprie ragioni, che in certi casi ha avuto anche risvolti poco piacevoli, è nato lo sportello di conciliazione composto da un gruppo di volontari, nel caso specifico aderente alla Banca del Tempo, che nel corso delle notti calde e infuocate di Alghero si impegneranno ad attenuare decibel e fracassi notturni di locali e bar (che rispondono alle esigenze di un determinato popolo turistico) rendendoli più tollerabili per coloro che ritengono che la notte si è ancora fatta per dormire, sia che siano in vacanza sia che l’indomani mattina debbano andare a lavorare.

L’intento dell’iniziativa non è quello di “ammazzare” la vita notturna ma di renderla conciliabile con il resto della città, anche provando a far rispettare le normative vigenti. L’attività sarà di carattere persuasivo, ragionativo, di sensibilizzazione.

Un’iniziativa questa che si potrebbe importare anche a La Maddalena dove, specialmente a luglio agosto, nel centro storico, il problema viene vissuto con non poche tensioni, tra i titolari dei diversi pubblici esercizi che attendono proprio l’estate per lavorare e coloro che lo abitano, siano essi residenti o turisti.

E, suggeriamo, potrebbe essere una delle funzioni della neonata sezione della Compagnia Baracellare, ad esempio. claudioronchi@tiscali.it

Pubblicato da il 28 aprile 2016. Archiviato in Attualità,Spettacolo. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.