,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

A che punto è il Water Front?

Water front Planimetria complessivaNel corso dell’ultimo Consiglio Comunale, quello dello scorso 29 settembre, il sindaco di La Maddalena Angelo Comiti ha fatto il punto sul quelli che, dai tempi del G8, viene chiamato Water Front, la risistemazione cioè delle banchine e del lungomare del centro cittadino.

Il capo dell’esecutivo ha informato che l’intervento complessivo è stato suddiviso in quattro lotti:

Il primo riguarda Cala Balbiano; il secondo il pontile Poste, il terzo Punta Chiara e il quarto lotto riguarda la sistemazione di tutti i servizi (fognatura, acqua e quanto sarà necessario per alimentare sia il nuovo terminal commerciale che il porto turistico che si intende creare).

Ha poi specificato che si prevede ormai l’inizio dei lavori di Cala Balbiano e si procederà all’affidamento definitivo, anche per la parte esterna (molo galleggiante).

Il secondo intervento intende mettere in sicurezza il molo delle Poste; risulta disponibile una prima tranche di un milione e mezzo di euro per entrambi i lotti.

Il terzo lotto è la predisposizione progettuale e lo spostamento dei traghetti. Questo tipo di lotto prevede la progettazione, esecuzione del porto turistico, commerciale e militare; con quest’ultimo intervento si intende sia riorganizzare l’interno di Punta Chiara con la presenza dei natanti della Capitaneria di Porto siti attualmente nell’area di Cala Gavetta sia la rifunzionalizzazione della struttura della stessa Capitaneria.

Il sindaco si è poi soffermato sull’intervento previsto nell’abitazione occupata a suo tempo, dalla famiglia Zolesi; abitazione che rientra nel lotto degli 8 alloggi di cui aveva chiesto notizia il consigliere Stefano Filigheddu.

L’Azienda Regionale Edilizia Abitativa (Area) ha a disposizione, ha aggiunto il sindaco, un milione e mezzo di euro che non sono sufficienti per completare l’intervento, e sia la Presidenza della Giunta Regionale sia l’Assessorato Regionale ai Lavori Pubblici dovrebbero reperire ulteriori risorse. Area ha presentato un programma che dovrebbe in qualche modo prevedere l’inizio dei lavori tra gennaio e marzo 2015.

Ha concluso il sindaco Comiti sottolineando il fatto che l’elemento fondamentale e indispensabile non è tanto la realizzazione dal punto di vista dell’ubicazione, della sistemazione della banchina e dei riempimenti ma la valutazione dell’impatto ambientale necessario per mandare in gara il progetto anche se la formula scelta è quella dell’appalto integrato.

(Dal verbale della delibera numero 41 del Consiglio Comunale del 29 settembre 2014)

Pubblicato da il 12 Novembre 2014. Archiviato in Attualità,News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.