,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Appello importante dei sindacati delle Poste, soprattutto agli utenti

Comunicato delle Segreterie Regionali Slp-Cisl Slc-Cgil Uilpost Failp Cisal Confsalcom Ugl Com – Brandano Zedda Perra Abis Garau Medde. I sindacati sopra riportati fanno un appello “a tutti quei pensionati che, non avendo una carta per prelevare dagli sportelli automatici, si recheranno negli uffici postali: “andate a ritirare la pensione rispettando rigorosamente il calendario che verrà predisposto; non ammassatevi davanti gli uffici dalle 5 del mattino; effettuate solo le operazioni strettamente necessarie oltre al ritiro della pensione”.  A tutti quelli che hanno una carta i sindacati consigliano “di effettuare i prelievi e i pagamenti esclusivamente dagli sportelli automatici o dall’App se necessario, visto che si deve uscire solo per poche necessità e farmacie e negozi hanno la possibilità del pagamento con la carta”. Rivolgono poi un invito a tutta la popolazione che in questi giorni resta a casa, chiedendo “di evitare di fare acquisti online se non strettamente necessari, capiamo che può esserci un’offerta imperdibile, ma l’oggetto che ordini deve essere consegnato da qualcuno, che non può rimanere a casa! Sarebbe utile che, chi vende online, permettesse una consegna posticipata rispetto all’acquisto, in modo che si limiti la circolazione di consegne non indispensabili”. Le segreterie regionali Slp-Cisl Slc-Cgil Uilpost Failp Cisal Confsalcom Ugl Com chiedono inoltre ai Sindaci, di dare “un segnale forte ai loro cittadini per far rispettare le regole e le restrizioni imposte dal governo, con continui annunci nei loro siti web e canali social”. Un pensiero infine a Poste Italiane, affinché “permetta ai lavoratori, che con molta coscienza e spirito di abnegazione in questi giorni stanno garantendo il servizio, di poter lavorare con tutti gli strumenti previsti nei protocolli e nei decreti governativi, perché senza non si possono garantire! Prima la salute e poi il conto economico”.

Pubblicato da il 20 Marzo 2020. Archiviato in Attualità,News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.