,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Arzachena. Riprese sì, riprese no

Nella prima seduta di insediamento del consiglio comunale, nel giugno scorso la capogruppo del più consistente gruppo di minoranza, Maria Giagoni, aveva chiesto al sindaco -ancora non era stato eletto presidente del consiglio comunale – che venisse rilasciata al loro gruppo l’autorizzazione per le riprese e trasmissioni Facebook dei lavori della massima assemblea cittadina, formalizzata anche attraverso una richiesta scritta. Il sindaco Roberto Ragnedda aveva assicurato che l’operazione si sarebbe fatta a cura dell’amministrazione comunale anche al fine di garantire la pubblicizzazione dei lavori e la trasparenza. Da allora in nessun’altra seduta di consiglio comunale la minoranza ha chiesto più conto né di quella richiesta e di quella promessa. Fino alla riunione di lunedì 13 novembre allorquando un cittadino, con un cellulare, ha cominciato effettuare le riprese, prima da lontano e poi da una distanza un po’ più ravvicinata. Dopo l’invito da parte del presidente del consiglio comunale a cessare le riprese e gli interventi delle minoranze a difesa del cittadino che effettuava dette le riprese – in un luogo pubblico e durante una seduta pubblica – c’è stata una sospensione della riunione e successivamente, rimanendo la maggioranza sulle posizioni di diniego di prosecuzione delle riprese, la polemica uscita dall’aula da parte di tutti i consiglieri dei due gruppi di minoranza, di quello che fa capo a Maria Giagoni e di quello che vede Gigi Astore quale suo unico esponente. La questione, è stato detto, dovrà essere trattata in commissione.

Pubblicato da il 16 Novembre 2017. Archiviato in Attualità. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.