,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Arzachena. Successo della mostra su Michele Ruzittu, ‘Il maestro che vedeva il futuro’

(di Claudio Ronchi)

“Questa nuova iniziativa della nostra associazione (La Scatola del Tempo) sta riscuotendo un successo inaspettato e sono decine le persone (con qualche sparuto turista…) che quotidianamente entrano nella vecchia chiesa di San Pietro”. Chi parla è Mario Sotgiu curatore della mostra organizzata nella chiesa di San Pietro, messa a disposizione dal parroco, don Mauro Moretti, per celebrare i cent’anni della istituzione di Arzachena in Comune autonomo ed in particolare di una figura, quella del maestro Michele Ruzittu, “un inconsapevole eroe dei nostri tempi”. Come abbiamo già avuto modo di scrivere, di Michele Ruzittu si tramanda non soltanto del suo impegno politico (col fratello Salvatore non solo fu tra gli artefici dell’autonomia da Tempio del paese) ma, si tramanda, fu uomo  di una generosità disinteressata nei confronti del prossimo oltre che di una grande passione per la storia del paese, coronata da alcune scoperte archeologiche successivamente valorizzate e che oggi fanno parte del patrimonio non solo culturale ma anche turistico di Arzachena. La mostra, ‘Il maestro che vedeva il futuro’, spiega Mario Sotgiu, “è una ‘retrospettiva’ nata soprattutto per i ragazzi del territorio e racconta una storia, straordinaria, che non troveranno mai su Instagram e che speriamo (con l’aiuto di genitori sensibili…) possa essere conosciuta, anzi, scoperta!”. Il tributo a Michele Ruzittu, durerà fino a tutto novembre “e dobbiamo ammettere che, per celebrare degnamente il centesimo anno della autonomia comunale, avremmo in serbo altre idee … tutte piccole e semplici come quest’ultima… ma non è facile, visto che tutte le nostre iniziative vengono solamente sostenute dal basso, dalla gente, che con delle semplici offerte o piccole donazioni ci segue (anche sui social…)  e ci aiuta”

Pubblicato da il 27 Ottobre 2020. Archiviato in Attualità,Cultura,News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.