,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Caprera. Felici convivenze: una nuova biodiversità?

(di Claudio Ronchi) – Non c’è che dire, gatti e cinghiali vivono felicemente a Caprera, anzi convivono anche in territori assai limitati. E pensare che il nome dell’isola, Caprera, deriva da capra, della quale l’isola, poi diventata di Garibaldi, era assai popolata. La foto è di qualche giorno fa e mostra, a qualche metro dalla strada, un gattino rosso incurante di alcuni cinghialetti che gli girano attorno. È vero che i cuccioli di qualsiasi specie sono giocherelloni, ma mamma cinghiala, non inquadrata nella foto, è proprio lì vicino … Tutti satolli (ticchi in isulano), costituiscono la nuova (perché fino a pochi decenni fa non ce n’erano o quasi) “biodiversità” dell’isola, che prima era Riserva Naturale Orientata ed ora è Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena; e se qualche organismo europeo o mondiale dovesse riconoscere all’ibrido di cinghiale abitante Caprera questa qualità, potrebbe diventare … specie protetta.

Pubblicato da il 5 Ottobre 2019. Archiviato in Attualità,News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.