,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Che fine hanno fatto 1000 maddalenini?

Che fine hanno fatto 1000 maddalenini?

La popolazione residente a La Maddalena, al Censimento 2011, rilevata il 9 ottobre 2011, era di 10.936 individui, mentre all’Anagrafe Comunale, sempre alla stessa data, ne risulta il numero di 11.869. Quindi, alla data dell’ultimo Censimento, nel Comune di La Maddalena si è registrata una differenza negativa fra popolazione censita e popolazione anagrafica pari a 933 unità (-7,86%). Che fine hanno fatto, dov’erano quasi 1000  maddalenini? La clamorosa differenza di popolazione conferma ciò che da tempo si sospettava, cioè che la popolazione realmente presente fosse inferiore a quella anagrafica. Una spiegazione può essere certamente che molti maddalenini, pur risultando ancora residenti, per motivi di studio e soprattutto di lavoro non abitino più all’Isola. Un’altra spiegazione può essere riferibile agli stranieri, che per beneficiare delle agevolazioni e dei contributi comunali si iscrivono all’Anagrafe, risultando residenti. Nel mese dell’ottobre scorso, evidentemente, molti di questi, la cui presenza è soprattutto stagionale, erano già andati via e di conseguenza non sono stati censiti. Siccome però all’Anagrafe sono circa 600 e non è pensabile che tutti non fossero presenti nell’Isola, possiamo ipotizzare che se 200 o anche  300 di loro erano tornati ai paesi natii, gli altri 700 o 800 chi erano e dov’ erano? C’è da considerare che, forse, qualche centinaio d’iscritti all’Anagrafe, non presenti al Censimento, possano essere persone che hanno acquistato qui casa, e per motivi di Ici-Imu e altre agevolazioni tariffarie abbiano preso la residenza, pur non vivendo e lavorando all’Isola. Sta di fatto che tra questi 1000 assenti c’è gente probabilmente benestante che non paga le tasse che dovrebbe, sopratutto quelle delle quali beneficerebbe il Comune, come anche povera gente, comunitaria ed extracomunitaria, che per pochi mesi di presenza e/o di lavoro, dalle casse comunali e regionali spesso riceve contributi per affitti di abitazioni, sussidi, assegno di disoccupazione, e altro. Claudio Ronchi

Pubblicato da il 11 Maggio 2013. Archiviato in Brevi. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.