,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Dalla Diocesi di Tempio: è urgente un ritorno impegnato in politica dei Cattolici

(di Claudio Ronchi) – A scriverlo è Miuccio Demontis, diacono, direttore dell’Ufficio Dicesano di Pastorale Sociale e del Lavoro: “È urgente un ritorno impegnato in politica dei Cattolici, se poi giovani, meglio!”. Detta così niente di nuovo rispetto alle affermazioni da parte di tanti uomini di Chiesa, negli ultimi venticinque anni, che dopo la fine della Democrazia Cristiana hanno accettato spesso, volentieri, la “diaspora” dei cristiani nelle diverse formazioni politiche. Il comunicato stampa della Diocesi di Tempio però cambia rotta, affermando che “non esiste un ‘dogma della divisione’ che impedisca il nascere di una formazione di ispirazione cristiana”. Ogni cristiano è “chiamato” ad occuparsi della città dell’uomo nel tempo in cui vive, scrive don Demontis. “Nella nostra epoca, non bastano più gli aggiustamenti, i credenti hanno la necessità di porsi una domanda di fondo e di rivedere la presenza nel contesto politico”. Sono convinto che nell’epoca attuale, afferma ancora il direttore dell’Ufficio Diocesano di Pastorale Sociale e del Lavoro “il rapporto religione e politica possa assumere una nuova centralità, perché la religione, e nel caso concreto in Sardegna il cattolicesimo, rappresenta ancora una identità consistente rispetto a una società che si liquefa in mille rivoli”.

Pubblicato da il 28 Ottobre 2020. Archiviato in Brevi,Cultura,News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.