,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Gallinaro: Ecco perché dobbiamo far pagare la Tasi

Nicola Gallinaro

Nicola Gallinaro

Intervistato da Radio Arcipelago, l’assessore alle Finanze del Comune di La Maddalena Nicola Gallinaro conferma la brutta notizia del pagamento della Tasi, rata prossima il 16 dicembre, fra poco meno di 3 mesi. Si dovrà applicare la Tasi, ha affermato l’assessore, semplicemente perché lo Stato ha fatto al Comune di La Maddalena un ulteriore taglio di 1 milione di euro. Nel Fondo di Solidarietà, ha proseguito, pervenutoci l’8 di agosto, confermato il 16 settembre, ci siamo trovati la sorpresa, nel riparto di questo Fondo, che lo Stato ha considerato per La Maddalena un gettito Tasi 2014 stimato, ad aliquota base, cioè all’1 per mille, di 827 mila euro. Per cui, questi 827 mila euro, ce li hanno tolti dai trasferimenti, presupponendo che noi li avessimo incassati con la Tasi. Non solo, ha sottolineato l’assessore, ma noi dovremo anche ‘dare’ allo Stato, e per un valore di 216 mila euro!. Ecco perché ci siamo trovati quasi 1 milione in meno dal nostro bilancio, rispetto a giugno scorso, ed era una cosa che non potevamo assolutamente prevedere. Questo milione di euro che lo Stato ci ha tagliato, che non arriverà più dallo Stato, ci siamo dunque trovati a doverlo reperire. Come? O con l’Addizionale Irpef, ma avrebbe riguardato tutti, dipendenti, pensionati, e solo i maddalenini; Abbiamo così optato – ha spiegato ancora l’assessore Gallinaro – per la Tasi, perché va a colpire l’1 per mille di tutti i proprietari di casa, residenti e non residenti, e la pagano anche gli inquilini per un 10%. Rispondendo all’accusa di non aver convocato, per il 10 settembre, il Consiglio Comunale, data ultima per deliberare le aliquote, Gallinaro ha risposto che il rimprovero avrebbe avuto ragione se l’Amministrazione Comunale avesse deciso di applicare l’aliquota Zero. Avendo già deciso di applicare comunque la Tasi, non c’era più questa necessità, sarebbe stato assolutamente inutile. Dunque, “queste sono ‘imposte’ che ci sono state ‘imposte’ dallo Stato. In quanto alle paventate difficoltà che il contribuente potrebbero avere nel calcolo del balzello, “con il regolamento che abbiamo approvato il calcolo e le modalità di pagamento saranno semplificate al massimo”. Claudio Ronchi

(L’intervista si può ascoltare su Radio Arcipelago (90,20 Fm – www.radioarcipelago.it), sabato 20 settembre alle ore 9:00

Pubblicato da il 19 Settembre 2014. Archiviato in News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.