,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Il maddalenino più celebre/1: Garibaldi … dopo la delusione d’amore tornò tra i suoi affetti più cari

(di Claudio Ronchi) – La Giuseppina Raimondi era benestante, davvero bella, davvero giovane e intrigava di desiderio Garibaldi. Lui 53 anni e lei 19 … Pare che il matrimonio lo avessero già consumato con ancor prima di celebrarlo, il 24 gennaio del 1860, data funesta per il nostro eroe perché poco dopo il fatidico sì, si trovò suo malgrado a leggere una lettera che parlava, suo malgrado, di corna, nei suoi confronti. Infuriato, Garibaldi ripudiò di fatto ed immediatamente la novella sposa, e il 30 gennaio si imbarcò da Genova per Caprera. A Caprera il nostro eroe mise piede i primi di febbraio, intrattenendo da subito corrispondenze per l’annullamento del matrimonio “tradito”, che bruciava non poco il suo orgoglio. Che bella che era Caprera a febbraio! Nonostante il vento e l’umidità. Giuseppe era tornato nella sua casa e tra i suoi affetti più cari e sinceri. C’erano gli amici maddalenini, i suoi fedelissimi, c’era da cacciare, c’era da dare una riordinata agli orti e al frutteto, e da badare agli animali. L’uliveto… Garibaldi decise d’ingrandirlo un po’, ordinando in Continente una decina di alberi da mettere a dimora non appena fossero arrivati. La stagione era giusta …

Pubblicato da il 18 Marzo 2020. Archiviato in Cultura,Storia. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.