,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. Alla Trinita s’è pregato per i maddalenini e per l’ospedale

(di Claudio Ronchi) “Quell’8 aprile, quando ci sentivamo tanto minacciati nella nostra vita e nella nostra Isola, per la pandemia mondiale, siamo corsi qua e ci siamo sentiti accolti davvero”. Nel corso dell’omelia pronunciata ieri domenica, festa della Santissima trinità, nell’antica chiesetta a lei dedicata, il parroco don Andrea Damaschi ha fatto riferimento a quando, due mesi fa volle, con gli altri sacerdoti dell’Arcipelago, proprio lì celebrare Messa, nel luogo spiritualmente, culturalmente e storicamente identitario dei maddalenini, in quelle settimane obbligatoriamente chiusi a casa e in quel in quell’occasione rappresentati dal sindaco in fascia tricolore. Il parroco, ieri sera, durante la Messa ancora pregato “per la nostra società isolana che si rifugia sotto la protezione della Santissima Trinità, per l’amministrazione comunale, per le forze militari, per tutte le realtà che compongono la nostra vita sociale, familiare lavorativa”. Ma ha pregato anche, “per il nostro ospedale, perché venga mantenuto, salvato, perché ci dia la sicurezza di cui abbiamo tanto bisogno”. Una preghiera, don Andrea, l’ha pronunciata per il lavoro, “per tutti quelli che in questa stagione trovavano impiego che gli permetteva di guardare il futuro con più serenità. Preghiamo per tutti turisti che ogni anno venivano per condividere con noi questo tempo”. Duecento persone, più o meno, in maschirina e a prudenziale distanza, hanno assistito, ieri sera, domenica, alla Messa. L’amministrazione comunale rappresentata dal vicesindaco Massimiliano Guccini, quella militare dal comandante Filippo Marchetti. In tempi di covid non ci sono state le tradizionali manifestazioni d’intrattenimento e culinarie. Della parte logistica e organizzativa della Messa si è occupata la Classe 1970, alla propria prima uscita pubblica, fortemente penalizzata in quelle che tradizionalmente sono le attività dei cinquantenni dell’anno in corso, a causa proprio della pandemia.

Pubblicato da il 8 Giugno 2020. Archiviato in Attualità,Cultura,News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.