,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. Annalisa Gulino: Mettere molta più determinazione; Il turismo deve diventare la nostra primaria fonte economica

(di Claudio Ronchi) – Annalisa Gulino, 47 anni, architetta, assessora all’urbanistica uscente, si propone agli elettori, da candidata sindaca, in continuità con l’amministrazione Montella ma rispetto a quella afferma che “bisogna sfondare molto di più, mettere molta più determinazione”; Su certe cose, prosegue, “si è andati a rilento e sono da portare avanti, con maggiore entusiasmo, tutti quei temi importanti, quei progetti in corso quali Water Front, l’ex Arsenale e le bonifiche ecc.”. La Gulino s’è presentata alla stampa giovedì scorso, al Grand Hotel Ma&Ma, e buona parte dell’incontro l’ha dedicata ad una dettagliata quanto appassionata presentazione dei candidati, 5 donne (più lei) e 10 uomini. Una lista “con tante anime, ognuna con le proprie peculiarità e idee” ma caratterizzata dall’impronta collegiale che vuole imprimere, in caso di vittoria, alla formazione di governo. “È nostra intenzione adoperarci per ricreare benessere e ricchezza per la collettività – scrive nella introduzione del programma elettorale – garantire elevati livelli di qualità della vita, i bisogni primari, l’equità sociale, con particolare attenzione alle generazioni più anziane, patrimonio di questa nostra collettività e, soprattutto, il lavoro per i nostri giovani, per il presente per il futuro, per i cittadini di oggi e per quelli di domani”. Parlando del Parco Nazionale si augura di poter “camminare a fianco”, così come a tutti gli altri enti presenti. E per quanto riguarda l’argomento “collegamento fisso”, afferma che si dovrà fare “uno studio per una scelta consapevole”. La Gulino rivendica il lavoro svolto in questo quinquennio, dall’approvazione definitiva del PUL (Piano Utilizzo dei Litorali) all’approvazione definitiva del PPCS (Piano Particolareggiato del Centro Storico) all’approvazione del PAI (Piano di Assetto Idrogeologico), all’approvazione sebbene in via preliminare, del PUC (Piano Urbanistico Comunale) oltre ad interventi realizzati o da realizzare in materia di verde e di pista ciclabile. Per la candidata sindaca di Progetto per La Maddalena, “il turismo deve diventare la nostra primaria fonte economica”, incrementando quello balneare ma sviluppando anche quello ambientale, sportivo e culturale. Ha in testa un progetto per Caprera, isola che deve diventare “il nostro fiore all’occhiello” con una sua “migliore e più rispettosa fruizione” e con attività che dovranno essere affidate a giovani maddalenini. Per quanto riguarda l’ospedale “si metterà in campo ogni azione necessaria per far sì che la Regione Sardegna garantisca un’adeguata assistenza sanitaria alla nostra comunità, in una struttura efficiente ed organizzata con tutti i servizi”.

Pubblicato da il 10 Ottobre 2020. Archiviato in Attualità,News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.