,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. Condanna e solidarietà del Consiglio Comunale per Alberto Acciaro, al quale è stato incendiato il chiosco bar per la seconda volta

La Maddalena. Condanna e solidarietà del Consiglio Comunale per Alberto Acciaro, al quale è stato incendiato il chiosco bar per la seconda volta.

 Netta, chiara e dura condanna, all’unanimità, da parte del Consiglio Comunale, nella seduta di ieri sera, per l’atto grave e intimidatorio subito dal concittadino Alberto Acciaro che nei giorni scorsi ha subito “per la seconda volta la totale distruzione del chiosco bar”, nella spiaggia di Bassa Trinita. Dopo aver ribadito “la massima solidarietà ad Alberto Acciaro”,  il Consiglio Comunale “condanna fermamente ogni tipo di atto finalizzato a danneggiare il patrimonio pubblico e privato e ad instaurare un clima vessatorio ed intimidatorio nei confronti della cittadinanza, non ritenendo tali comportamenti espressione della cultura, degli usi e costumi della collettività maddalenina”. Il Consiglio Comunale ha dato poi mandato al sindaco “per intervenire nuovamente presso gli organi competenti affinché l’organico complessivo delle forze dell’ordine, preposte alla prevenzione dei reati e alla vigilanza del territorio sia incrementato dal punto di vista numerico al fine di consentire il necessario monitoraggio delle parti più sensibili dell’abitato e le diverse zone extra urbane” e di farsi promotore “di una campagna di sensibilizzazione nei confronti della collettività riferita al rispetto delle persone e dell’immenso patrimonio pubblico del nostro territorio”. Come atto diretto il Consiglio Comunale ha infine dato mandato al sindaco “di intervenire presso gli uffici comunali competenti al fine di verificare la possibilità di differire il pagamento di ogni tributo dovuto all’Ente Comunale da Alberto Acciaro”. (Lunedì 30 giugno 2011)

Pubblicato da il 30 Giugno 2011. Archiviato in Brevi. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.