,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. Da domani 1° luglio scattano i divieti (di plastica e fumo) nelle isole e isolette del Parco Nazionale di La Maddalena

L’isola di Spargi (Arcipelago e Parco di La Maddalena)

(di Claudio Ronchi) – La Maddalena. Da domani 1° luglio scattano i divieti (di plastica e fumo) nelle isole e isolette del Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena

I confini del Comune di La Maddalena coincidono esattamente con quelli del Parco Nazionale. Per cui, l’ordinanza n.16 interessa tanto il territorio comunale quanto quello del Parco e di chi ne usufruisce.
A decorrere dal prossimo 1° luglio per i cittadini, residenti e non, e per tutti gli operatori economici presenti sul territorio scatta il divieto di utilizzare, fornite e commerciare beni mono-uso (usa e getta) in plastica non biodegradabile e non compostabile utilizzati a fini alimentari, quali ad esempio: contenitori, piatti, bicchieri, stoviglie, posate, palette, cannucce, cotton fioc, sacchetti, buste, ogni altro bene monouso ad uso alimentare.
Il sindaco dispone inoltre per tutti i cittadini, residenti e non, sempre a decorrere dal 1° luglio, il divieto totale di introduzione nelle isole minori dell’arcipelago della Maddalena (per tali si intendono tutte le isole ad eccezione di quella di Maddalena, e cioè Caprera, Spargi, Budelli, Santa Maria, Razzoli, comprese anche le più piccole e lontane come Soffi, Nibani ecc) dei suddetti beni e precisamente nessun materiale plastico monouso, di qualsiasi genere e natura, che non sia biodegradabile o compostabile (fatta eccezione per i presidi sanitari).
L’ordinanza del sindaco Montella fa inoltre obbligo a tutti gli operatori economici presenti sul territorio – in particolare alle attività commerciali, artigianali e di somministrazione di alimenti e bevande (sia a posto fisso itinerante) e alle attività di noleggio unità navali e attività di trasporto passeggeri via mare – di non vendere, non fornire e non utilizzare i suddetti beni monouso non biodegradabili che non compostabili, a partire dal 1° luglio prossimo. Fino al 1° gennaio 2020 sarà consentito loro lo smercio del residuo di magazzino, col dovere di comunicare al Suap le giacenze anteriori alla data del 1° luglio.
Il divieto si estende agli organizzatori di eventi (feste, sagre, concerti eccetera) di non vendere, non fornire e non utilizzare i suddetti beni monouso non biodegradabili e non compostabili a partire dal 1° luglio prossimo.
C’è anche il divieto di fumo. L’ordinanza del sindaco Montella prevede infatti anche che a decorrere dal 1° luglio ci sia il totale divieto di fumo su tutte le isole minori, le pinete e le spiagge dell’arcipelago della Maddalena
Le sanzioni vanno da un minimo di 25 a un massimo di 500 euro.

Pubblicato da il 30 Giugno 2019. Archiviato in Attualità,News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.