,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. Ecco sei foto di come sarà il nuovo Museo Navale-Lamboglia

(di Claudio Ronchi) – Le 6 foto pubblicate mostrano quello che potrà essere il nuovo Museo Navale-Lamboglia, una struttura ampliata, modernizzata, che offra nuovi servizi ai visitatori, dai bagni al bar, al bookshop a strumenti multimediali.

Oltre agli interessanti e in alcuni casi rari reperti archeologici di una nave onoraria romana naufragata nei pressi dell’isola di Spargi, il nuovo museo offrirà approfondimenti sull’ambiente marino, le scienze naturali e sull’educazione ambientale. Questo ha in testa l’assessore Gianvincenzo Belli per riaprire finalmente e rilanciare il Museo comunale della Panoramica, ma c’è di più, il museo dovrà far parte di un circuito museale che interessi sia l’isola di Maddalena che quella di Caprera comprendente quello delle Fortificazioni del forte Sant’Andrea, il Museo Diocesano, i due Garibaldini, quello Mineralogico e il Museo del Mare.  

In giunta è stato già provato il progetto preliminare, redatto dell’architetto Mauro Quidacciolu, che prevede appunto, un ampliamento dell’esistente, un restyling completo con l’inserimento di servizi aggiuntivi. “Ora andremo alla ricerca del finanziamento” afferma l’assessore Belli. Ci vorranno almeno 1.200.000 euro, “ma siamo fiduciosi di poterlo ottenere. L’obiettivo è riuscire a riaprirlo entro il 2022. Abbiamo instaurato un dialogo proficuo con la Soprintendenza che ci sta seguendo passo passo. La prima operazione che si andrà a mettere in campo sarà quella di catalogare, trasportare e restaurare tutto il materiale in modo che si svuoti tutto l’edificio per poi poter procedere con gli interventi”.

La domanda a questo punto è: una volta realizzati gli interventi riuscirà l’Amministrazione Comunale a garantirne l’apertura come finora non è riuscita a fare in questa quasi cinquantennale esistenza, contraddistinta da lunghi periodi di chiusura? Il nuovo assessore alla Cultura, Gianvincenzo Belli, ha due strade davanti: “scaricarlo” a Cagliari, facendolo diventare regionale, percorso lungo, tortuoso e dagli esiti incerti, oppure creandogli i presupposti per una propria autonomia economica.

Pubblicato da il 28 Gennaio 2021. Archiviato in Attualità,Cultura,News. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.