,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. Ex Ospedale Militare: chiusura al traffico del Lungomare Mirabello?

La Maddalena. Ex Ospedale Militare: chiusura al traffico del Lungomare Mirabello?

Per rendere appetibile l’ex Ospedale Militare bisognerebbe chiudere al traffico il Lungomare Mirabello, una delle strade più panoramiche di La Maddalena. E’ questa la posizione del sindaco Angelo Comiti espressa nel recente incontro di Olbia con diversi assessori e funzionari regionali. “Ho insistito molto, tra le questioni che mi stanno a cuore, su quello che è il destino dell’ex Ospedale Militare” ha dichiarato a Radio Arcipelago il sindaco. “Sull’argomento mi ero già espresso la volta precedente a Cagliari, sul fatto cioè che occorra fare molta attenzione nel momento della predisposizione del bando per l’assegnazione. Bando che non può essere pubblicato come quello procedente, perché si rischia di non affidarlo, per l’ennesima, a volta a nessuno. L’amministrazione regionale è convenuta sul fatto che occorra inserire nel bando quelle cose che poi rendono appetibile quella struttura, che sono il collegamento con il fronte mare prospiciente l’ex e la possibilità di una deviazione del traffico. Si sta ragionando  – ha proseguito il sindaco – sull’ipotesi di ripristinare la vecchia via Ammiraglio Mirabello. Bisogna attivare un’interlocuzione con la Marina Militare per le opere che poi dovevo essere realizzate, per mettere il sicurezza tutto il comparto esistente dentro quella perimetrazione. Sono opere che possono essere realizzate anche abbastanza agevolmente”. Nell’ intervista Comiti ha quantificato i costi mensili che la Regione deve sostenere: “Credo che oggi l’ex Ospedale Militare fra manutenzioni, tenuta in ripristino dei servizi di base e guardiania, costi alla Regione Sardegna circa 50.000 euro al mese”. La Regione, ha concluso il sindaco “ha preso in carico quella struttura da quasi un anno e credo che una soluzione la debba trovare. Un’opera che è costata più di 50 milioni di euro non credo che possa essere assegnata a chicchessia per un uso improprio rispetto al quale è stata costruita”.

Claudio Ronchi

(Venerdì 28 gennaio 2011)

Pubblicato da il 28 Gennaio 2011. Archiviato in Attualità. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.