,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena fa parte delle “Isole Slow” con “Chilometro Zerro”

La Maddalena fa parte delle “Isole Slow” con “Chilometro Zerro”

Da gennaio di quest’anno La Maddalena è entrata nel circuito “Isole Slow”, una rete di isole minori del Mediterraneo che operano nella salvaguardia delle produzioni alimentari locali e nella promozione di un turismo non invasivo nel rispetto dei fragili equilibri ambientali e sociali. Promotore dell’ingresso dell’Arcipelago in questa rete, attraverso l’evento “Chilometro Zerro” giunto quest’anno alla seconda edizione, è Giuseppe Bonanno che lanciò l’iniziativa quand’era presidente del Parco Nazionale e che continua a seguire il percorso con grande entusiasmo.

L’evento di quest’anno è iniziato con una conferenza svoltasi in municipio il 29 aprile che ha visto la presenza dello stesso Bonanno, di Simona Gay (fiduciaria Slow Food Gallura), Giuseppe Spinetti (componente del comitato Slow Food Gallura), Giuseppe Garibaldi (presidente Istituto internazionale di studi Giuseppe Garibaldi), Lucia Spanu (presidente della sezione maddalenina di Italia Nostra), Saro Gugliotta, Massimo Bernacchini, Tommaso Iacoacci (rappresentanti rispettivamente della Sicilia della Toscana e del Lazio) e le conclusioni di Sonia Chellini (vicepresidente Slow Food Italia). Al convegno erano presenti il vice sindaco Massimiliano Guccini, il direttore del Parco Nazionale Yuri Donno e l’ex assessore al turismo Fabio Lai.

“Chilometro Zerro 2017”, svoltosi poi nella giornata del 30 aprile ha percorso itinerari insoliti dell’Arcipelago, con la finalità di raccontare due aspetti fondamentali: da un lato la storia agricola e produttiva del territorio, mettendo alla luce esempi del passato e promuovendo lo sviluppo di un’economia alternativa; l’altro aspetto riguarda l’attività della pesca nei suoi aspetti economici, sociali e storici, per promuovere una pesca sostenibile e il consumo consapevole del pescato. Un momento importante è stata la visita agli “Orti di Garibaldi”, avendo come guide il pronipote dell’eroe attraverso il quale è stata raccontata la storia agricola di Caprera attraverso un percorso che ha mostrato come l’eroe italiano abbia creato una vera e propria azienda agricola autosufficiente in un’isola apparentemente inospitale. C’è stata poi la visita al centro storico di La Maddalena con un aperitivo al locale The Duke e degustazione del caseificio Rocca Manna di Aggius. Presso il ristorante La Perla Blu, che si affaccia sul porto di Cala Gavetta, sono stati degustati piatti a base di prodotti ittici locali che rispettano la stagionalità del pesce. Durante la conferenza svoltasi in Comune c’è stato un collegamento Internet con l’isola di Cipro.

Pubblicato da il 1 Maggio 2017. Archiviato in Attualità. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.