,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. Fatti criminali, qualche dubbio viene

(di Claudio Ronchi) – Copertoni squarciati, parabrezza infranti, auto bruciate, pescherecci a fuoco, camion della spazzatura distrutti. Si tratta solo di dispetti, di fatti passionali, di reazioni sproporzionate, di vendette? O c’è dell’altro?

Una domanda questa, legittima, da porsi sempre ma in particolare in questi giorni. Lo scorso 21 marzo scorso, ad esempio, giornata di sensibilizzazione contro le mafie, organizzata da don Luigi Ciotti, fondatore di Libera, è stato un momento per riflettere proprio su queste cose. La mafia o, in generale, la criminalità organizzata è ancora lontana dalla nostra isola? Inquietano, ad esempio, oltre ai ricordati fatti di cronaca, alcune inchieste, ancora in corso, su presunte operazioni di riciclaggio in attività commerciali e non solo.

C’è, ha detto don Ciotti, parlando ovviamente in generale, “una mafia imprenditrice senza confini, presente ovunque sia possibile arricchirsi illegalmente in modo formalmente legale, con capitale illecito. Una mafia propensa più a usare il potere della corruzione, il potere persuasivo del denaro, più delle violenze dirette, pur senza rinunciare agli attentati, agli atti intimidatori, agli omicidi, per piegare o eliminare le coscienze inflessibili delle tante persone oneste che cocciutamente stanno dalla parte del bene”.

Che fare dunque? Parafrasando alcuni concetti cari a don Ciotti possiamo dire che, solo facendo ciascuno di noi la nostra parte – di cittadini, lavoratori, disoccupati, pensionati, commercianti, imprenditori, pubblici dipendenti, giornalisti, sacerdoti, religiosi, politici, sindacalisti, militari e forze dell’ordine – una società non si disgrega nella divisione e negli egoismi, nelle polemiche cattive o sterili e inutili, e non diventa permeabile agli interessi illeciti e criminali.

L’indifferenza è l’incubatrice della corruzione e la corruzione è la premessa delle mafie” ha detto don Ciotti.

Pubblicato da il 3 Aprile 2018. Archiviato in Attualità,Cultura. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.