,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. GSPC: Otto punti che potrebbero rilanciare la Marina

La Maddalena. GSPC: Otto punti che potrebbero rilanciare la Marina.

Il Gruppo Socio Politico Cristiano, del quale è coordinatore Vincenzo La Cava, ha elaborato in otto punti le indicazione che potrebbero rilanciare la presenza della Marina a La Maddalena. Su questi dovrebbero lavorare non solo le autorità militari ma anche quelle politiche, a cominciare dai parlamentari galluresi e sardi in generale, con lo stesso impegno ed unità d’intenti con il quale lavorano i parlamenatri pugliesi per Taranto, con la necessaria spinta da parte dell’Amministrazione Comunale. Per il GSPC si dovrebbe:

1) Ampliamento di Mariscuola a Scuola Sottufficiali della Guardia Costiera, effettuando tutti i corsi dal VFP1 ai Marescialli delle CP:

2) Stipula di un accordo con la Marina Mercantile per la frequenza dei corsi obbligatori per il personale imbarcato (Antincendio, Pronto Soccorso, Sopravvivenza e Salvataggio,);

3) Costituzione di polo formativo di eccellenza nella fattispecie un Istituto Tecnico Nautico con possibilità di alloggio e mensa che formi anche militarmente i giovani abituandoli alla vita da imbarcati sia nelle navi Militari che Mercantili;

4) Potenziamento dei corsi OP della componente Guardia Costiera che in loco dispone anche del sistema per il controllo del traffico marittimo denominato VTS;

5) Concentrazione di tutti i corsi per il personale navigante di tutte le Forze Armate con rilascio di brevetti esclusivo, considerate difatti le forti correnti delle Bocche di Bonifacio e le particolari condimeteo invernali dell’isola dominata da tutti i venti sarebbe un importante banco di prova pratico che verrebbe riconosciuto a livello internazionale;

6) Stipula di accordi con la scuola pubblica per gli studenti dei Nautici con sviluppo di attività pratiche presso il centro VTS, il simulatore di plancia e le officine didattiche che dispongono della fonderia;

7) Stipula di accordi con i Parchi Nazionali per lo sviluppo di corsi a tutela del patrimonio marino;

8) Stipula di convenzioni con la Regione per la formazione di personale tecnico del settore marittimo e cantieristico (saldatori, tornitori, motoristi, fonditori, elettromeccanici).

Pubblicato da il 12 Novembre 2012. Archiviato in Attualità. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.