,

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Maddalena. Hanno imparato a fare il pane, il formaggio, e seguito le api

Parco Laboratorio del pane miele ecc wLa Maddalena. Hanno imparato a fare il pane, il formaggio, e seguito le api

“I ragazzi devono essere i primi ad essere educati, soprattutto per poter essere loro, poi, ad educare gli adulti. La sostanza di questo progetto è far capire a tutti i ragazzi che la terra è la nostra base di vita, cioè che dal terreno noi prendiamo tutto ciò di cui abbiamo necessità. Significa che la terra la dobbiamo curare, coccolare, coltivare, ma bisogna farlo in maniera che ci possa dare il meglio di sé”. Questi concetti sono stati espressi da Giuliana Nuvoli, presidente Aiab (Associazione Italiana Agricoltura Biologica) qualche settimana fa, presso il Cea di Stagnali, nell’ambito della Settimana del Parco, all’evento finale del Progetto di Educazione Ambientale organizzato dal Parco in collaborazione con la stessa Aiab, che ha coinvolto le classi II C, II D, I G, delle Scuole Medie di La Maddalena*. Una cinquantina di alunni hanno fatto, nell’arco di alcune settimane, tre percorsi, consistenti nella preparazione del pane, nella produzione del formaggio, nello studio delle api e della produzione del miele. “L’agricoltura biologica – ha proseguito Giuliana Nuvoli “ha lo scopo dare al terreno i nutrimenti naturali di cui ha necessità, in modo che questo ci ripaghi dandoci sostanza e salute. Ed è vostro compito, ragazzi, essere custodi di questa terra, che è la nostra Madre”. Marco Greco, che ha coordinato il corso, che si chiamava Educazione alla Sostenibilità Alimentare, ha sottolineato come uno degli aspetti fondamentali del corso stesso sia stato il fatto che i prodotti siano stati dai ragazzi toccati, manipolati, che abbiano avuto con loro uno stretto contatto, e questo anche attraverso il supporto dato dagli esperti, cioè da coloro che dal punto di vista pratico hanno insegnato loro la tecnica della panificazione, della produzione del formaggio, dell’allevamento di gestione delle api e del loro prodotto che è il miele. Un corso formativo basato innanzitutto sull’esperienza pratica oltre che sul bagaglio teorico. E il 24 maggio, alcuni gruppi di ragazzi hanno esposto, anche con l’ausilio di diapositive e filmati, le loro esperienze e quanto da loro appreso. “Parlare di educazione alimentare, capire come le cose possano essere prodotte rispettando l’ambiente, è educazione ambientale” ha affermato il presidente del Parco Giuseppe Bonanno. “So che voi avete partecipato con entusiasmo questo corso, vi siete sporcati le mani, sono convinto che quest’esperienza debba essere ripetuta, magari cercando altri filoni, altri prodotti, è un ciclo che non si chiuderà qua”. I ragazzi erano accompagnati dagli insegnanti Deleuchi, Dore e Impagliazzo. Coordinatrice della presentazione è stata la dottoressa Emanuela Rio. Claudio Ronchi

 

* I lavori sono stati svolti da Gaia Temussi, Isabella Carta, Chiara Kendziora, Claudia Provenzano, Martna Boccadifuoco, Fabio Marini, Sara Pedroni, Silvia  Paddeu, Davide Rais, Miriana Diana, Francesca Picchizzolu, Lorenzo Boragine, Simone Conti, Roberta Fabiani, Daniela Ferracciolo, Nicolò Pais, Francesca Rais, Gabriel Zanchetta.

Pubblicato da il 7 Luglio 2013. Archiviato in Cultura. Segui tutte le risposte a questo articolo tramite il link a RSS 2.0.